News

In questo anno segnato pesantemente dagli effetti della pandemia export e consumi hanno subito forti ridimensionamenti. Ecco un primo sguardo sull'andamento delle esportazioni per vini, spriti e aceti nei primi nove mesi.

Vini e mosti

Le esportazioni di Vini e Mosti nei primi nove mesi del 2020 registrano una variazione negativa sia in valore che in volume, il calo è di maggiore impatto tra i vini comuni e gli spumanti, resistono con un trend piuttosto costante i Vini DOP e IGP. Il grafico mette in evidenza le variazioni % rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente per singola voce.

Gli Stati Uniti mantengono la leadership di primo mercato di destinazione in valore seppur con una variazione di -5,5% rispetto allo stesso periodo del 2019, seguono la Germania (+3%) e il Regno Unito (-10%).

Si conferma primo paese di destinazione in volume la Germania (+0,2%) seguita da Stati Uniti (-1%), Regno Unito (-3%) e Francia (-11%).

Trend negativo anche per gli altri mercati di destinazione extra europei tra cui si evidenziano i mercati asiatici (Cina -35% Giappone -20%).

 

Schermata 2020 12 17 alle 15.25.36

Bevande Spiritose

L’export dell’industria delle bevande spiritose è il più colpito tra i settori dagli eventi che caratterizzano questo sicuramente “non comune” 2020: le acquaviti e liquori mostrano il calo più marcato dell’industria alimentare.

Tra le variazioni negative dell’export del settore spicca invece la variazione positiva della Grappa, nel grafico a seguire sono mostrate le variazioni % dell’export rispetto ai primi 9 mesi del 2019.

Gli Stati Uniti si confermano il primo paese di destinazione con un totale di circa 200 milioni di euro.  Si conferma anche il primato europeo della Germania che segue gli USA con 180 milioni di euro di export.

Schermata 2020 12 17 alle 16.06.50

Aceti

L’export del settore degli aceti mostra un segno positivo in valore (+8%) rispetto ai primi nove mesi dell’anno precedente, tuttavia il trend sembra essere in rallentamento rispetto ai primi mesi del 2020. La variazione positiva in valore è interamente dovuta all’Aceto di Vino, si mantiene invece in linea con i valori dell’anno precedente l’export degli altri aceti.

Si conferma il podio dei principali Paesi di destinazione: gli Stati Uniti con 273 migliaia di hl rispetto al totale esportato di circa 890 migliaia di hl. Al secondo posto abbiamo la Germania con 134 migliaia di hl seguita dalla Francia con 110. 

Di seguito i grafici esplicativi delle Variazioni % dell’export di Aceti in quantità e in valore verso i principali paesi di destinazione. I paesi sono in ordine di quantità (grafico a sinistra) e valore esportato (grafico a destra).

Schermata 2020 12 17 alle 16.09.34

Ismea: in Italia bio il 19% dei vigneti, è primato europeo

03-08-2021 | News

Il biologico avanza anche nella filiera vitivinicola: in Italia, nel...

Accolta la richiesta di riduzione rese per Chianti e Brunello di Montalcino

03-08-2021 | News

Accolta dalla Regione Toscana la richiesta dei consorzi Vino Chianti...

Aceto Balsamico di Modena Igp: via libera al marchio Made Green in Italy

02-08-2021 | News

Primo passo del Consorzio di Tutela dell'Aceto Balsamico di Modena...

Tutti al FestiValle

30-07-2021 | Itinerari

Dal tramonto all'alba, tra ulivi e mandorli secolari immersi tra...

Agroalimentare: recepita la direttiva contro le pratiche commerciali sleali

30-07-2021 | News

È stato approvato  in Consiglio dei Ministri, su proposta del...

Quattro drink estivi che sanno di Monferrato

30-07-2021 | Arte del bere

Quattro cocktail dal sapore autentico, una drink list che omaggi il #monferratoautentico. Le...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.