News

L'andamento dei prezzi della terra nel 2019, dopo due anni positivi, segna una nuova battuta d’arresto (-0,4% rispetto al 2018) che si somma alla riduzione dell'attività di compravendita verificatasi dopo quattro anni di continui aumenti. Veneto e Friuli-Venezia Giulia sono le regioni con le maggiori riduzioni (rispettivamente -2,8% e -4,5%), ma segno negativo anche per Lombardia, Emilia-Romagna, Molise e Sardegna.

  Questo è il quadro che emerge dall’indagine curata dalle sedi regionali del Crea Politiche e Bioeconomia.  

Le ragioni della contrazione vanno ricercate nell’aggiustamento delle quotazioni in Veneto (con oltre 50.000 euro/ha detiene il primato dei valori medi regionali), nella scarsa redditività del comparto dei seminativi e nella mancanza dell'effetto trainante del comparto viti-vinicolo.

Le ricadute dell'emergenza Covid sul mercato fondiario, stando ai dati raccolti nei primi mesi del 2020, evidenziano una maggiore preoccupazione per le regioni meridionali rispetto alle settentrionali, sebbene bisognerà attendere il 2021 per avere una valutazione più oggettiva della situazione. Alcune tipologie aziendali, viticoltura e floricoltura in particolare, sono state particolarmente danneggiate dall’emergenza sanitaria.  

Si conferma alto l'interesse anche nel 2019 per l’affitto dei terreni in alternativa all'acquisto, con una generale tendenza alla diminuzione della durata dei contratti.

La domanda è stata particolarmente attiva nel caso di terreni da destinare a colture di pregio, specie per vigneti a denominazione, mentre tra i principali attori si trovano giovani imprenditori, che usufruendo anche dei premi di primo insediamento offerti dai Programmi di Sviluppo Rurale hanno optano per la strada dell’affitto, insieme ai contoterzisti, specie nelle regioni centro-settentrionali. Dal lato dell’offerta sono sempre più i casi segnalati di terreni provenienti da cessione da parte di agricoltori a fine carriera o che abbondonano l’attività per ragioni economiche. I canoni sono rimasti stabili a parte qualche leggero incremento nel caso di vigneti di pregio, soprattutto in conseguenza alla riforma del sistema di autorizzazione degli impianti che modifica i criteri di assegnazione e limita la trasferibilità dei diritti di impianto fuori regione. 

Il mercato si registra particolarmente dinamico nelle regioni settentrionali, dove la domanda di terra è in crescita e tendenzialmente superiore all’offerta, soprattutto nel caso di terreni di pregio. Nelle regioni centrali la situazione è sostanzialmente stabile con mercato in equilibrio e, mentre nel meridione si rileva una certa differenza tra le aree più interne, con un mercato più stagnante, e le zone più vocate e in prossimità delle coste, dove si segnala una maggiore attività, spesso legata anche alle diverse misure dei Programmi di Sviluppo Rurale attivate nelle varie regioni. 

Ecco le quotazioni, regione per regione, dei terreni a vite nel 2019 (migliaia di euro per ettaro):

Val d'Aosta Piemonte Lombardia Trentino Veneto Friuli Liguria Emilia Toscana Marche Umbria Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna
Marche Minime Massime
Vigneti DOC di Matelica (MC) 25 45
Vigneti DOC del Falerio (AP) 22 40
Vingeti DOC nella media collina di Ancona 30 45
Valle d'Aosta Minime Massime
Vigneto DOC a Chambave (AO) 100 150
Piemonte Minime Massime
Vigneti DOC a Erbaluce Caluso (TO) 41 60
Vigneti DOC a Gattinara (VC) 40 80
Vigneti DOC di pregio nell'astigiano (escluso Moscato) 40 70
Vigneti DOC Moscato nella zona di Canelli (AT) 60 80
Altri vigneti DOC (AT) 18 50
Vigneti nelle zone del Barolo DOCG nella bassa Langa di Alba (CN) 200 1500
Lombardia Minime Massime
Vigneti DOC superiore della Valtellina (SO) 45 95
Vigneti DOC nella collina bresciana 110 120
Vigneti DOC nell'Olterpo' pavese 25 35
Trentino Alto Adige Minime Massime
Vigneti a nord di Trento 220 400
Vigneti DOC nella zona del Lago di Caldaro (BZ) 440 690
Vigneti DOC nella bassa Val Venosta (Naturno BZ) 440 690
Vigneti DOC nella Balle Isarco di Bressanone (Varna BZ) 440 690
Veneto Minime Massime
Vigneti di collina nella zona occidentale della provincia di Vicenza 50 100
Vigneti DOCG di Valdobbiadene (TV) 350 500
Vigneti di pianura del basso Piave (S. Dona' VE) 65 150
Vigneti DOC nei Colli Euganei (PD) 50 90
Vigneto DOCG colline di Asolo e pedemontana (TV) 250 380
Friuli Venezia Giulia Minime Massime
Vigneti DOC nei Colli Orientali (UD) 40 90
Vigneti DOC nella zona del Collio (GO) 45 120
Vigneti nella zona centrale della provincia di Pordenone 47 110
Liguria Minime Massime
Vigneti DOC nell'alta valle del Nervia (IM) 45 80
Vigneto DOC nelle colline litoranee di Albenga (SV) 70 85
Vigneto DOC Cinque Terre (SP) 35 60
Emilia Romagna Minime Massime
Vigneti DOC nella collina piacentina 37 48
Vigneti DOC nelle colline di Parma 60 75
Vigneti DOC nelle colline dell'Enza (RE) 54 85
Vigneti nella Bassa Collina del Sillaro (BO) 35 51
Toscana Minime Massime
Vigneti DOCG Chianti Classico (FI) 110 160
Vigneti DOCG a Carmignano (PO) 40 50
Vigneti DOCG Chianti Classico (SI) 90 150
Vigneti DOCG nelle colline di Montalcino (SI) 250 700
Vigneti DOC nella Valdinievole (PT) 30 40
vigneti DOC Bolgheri (LI) 200 400
Umbria Minime Massime
Vigneti DOC nelle colline di Montefalco (PG) 35 45
Vigneti DOC nella collina tipica di Orvieto (TR) 25 35
Vigneti DOC Orvieto 13 25
Vigneti DOC nelle Colline di Perugia 25 30
Lazio Minime Massime
Vigneti DOC nei Castelli Romani (RM) 80 100
Vigneti DOC nei Colli Albani 60 75
Vigneti nelle colline litoranee di Gaeta (LT) 22 26
Vigneti DOC nei Monti Ernici (FR) 15 30
Vigneti DOC della zona del Piglio (FR) 50 70
Vigneti DOC nella zona di Montefiascone (VT) 18 20
Marche Minime Massime
Vigneti DOC di Matelica (MC) 25 45
Vigneti DOC del Falerio (AP) 22 40
Vingeti DOC nella media collina di Ancona 30 45
Abruzzo Minime Massime
Vigneti DOC nelle colline litoranee di Roseto degli Abruzzi (TE) 22 55
Vigneti DOC nelle colline del medio Pescara (PE) 22 47
Vigneti DOC nelle colline litoranee di Chieti) 25 60
Vigneto DOC nelle colline litoranee di Ortona (CH) 25 60
Molise Minime Massime
Vigneti DOC nella fascia costiera di Campobasso 28 33
Campania Minime Massime
Vigneti della zona di Galluccio (CE) 36 45
Vigneti DOC nelle colline di Avellino (AV) 30 60
Vigneti DOC nelle colline dell'IRpinia centrale (AV) 25 60
Puglia Minime Massime
Vigneti nella Capitanata Meridionale (FG-BG) 28 55
Vigneti a tendone a Francavilla F. (BR) 17 27
Vigneti nella pianura di Copertino (LE) 17 27
Vigneti da vino nella zona di Manduria (TA) 20 32
Basilicata Minime Massime
Vigneti DOC nella collina del Vulture (PZ) 22 40
Calabria Minime Massime
Vigneti nella collina litoranea sud-orientale di Cosenza 15 26
Sicilia Minime Massime
Vigneti irrigui a Marsala (TP) 22 36
Vigneti da vino asciutti di piccole dimensioni a Monreale-Partinico (PA) 21 34
Vigneti da vino asciutti di piccole dimensioni nelel aree interne dell'Agrigentino 18 31
Vigneti da vino DOC e IGT delle pendici dell'Etna (CT) 37 75
Sardegna Minime Massime
Vigneti DOC nella zona del Vermentino di Gallura (OT) 20 29
Vigneti DOC nella zona del Parteolla (CA) 25 33
Vigneti DOC nella zona del Cannonau dell'Ogliastra (OG) 11 15
.Dati CREA

Regno Unito: le accise sull'alcool potrebbero essere radicalmente riviste

21-10-2021 | Estero

Il Sunday Times ha reso noto che il cancelliere del...

Carenza di camerieri? Il Giappone li rimpiazza con i robot

20-10-2021 | Estero

Come molti paesi, il Giappone soffre attualmente di una carenza...

Il futuro delle enoteche: mercato, turismo e digitalizzazione

20-10-2021 | Arte del bere

A Vinitaly Special Edition 2021 arriva forte e chiaro il...

DG Grow lancia una survey su norme Ue, Iva e accise. Ecco come partecipare

20-10-2021 | News

La DG Grow ha lanciato un'indagine sulle esigenze, le esperienze...

Farm to Fork, De Castro: passi avanti su tracciabilità e sostenibilità

20-10-2021 | News

"Adesso possiamo dirlo, il Parlamento rimette al centro della Strategia...

Vini DOC e DOCG Frascati superiore verso la modifica temporanea dei disciplinari di produzione

20-10-2021 | Normative

Nella Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana del 19 ottobre 2021 è stata...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.