News

01 dicembre 2009

I produttori europei di bevande alcoliche confermano il proprio impegno e adesione alle politiche sull’alcol dell’Unione europea, condannano fermamente l’abuso delle bevande alcoliche e sottolineano l’importanza di misure e programmi rivolti specificamente a coloro che fanno un utilizzo sconsiderato di questi prodotti piuttosto che quelle che colpiscono e penalizzano indiscriminatamente la maggior parte dei consumatori che invece hanno stili di consumo responsabili.

Ad affermarlo sono le principali sigle che riuniscono tutti i produttori di bevande alcoliche, e cioè il Comité Europeén des Entreprises Vins – CEEV e lo European Spirits Organisation – CEPS, in occasione dell’approvazione da parte del Consiglio dei ministri della Salute Ue del documento con le conclusioni sul consumo di alcolici.

A farne eco in Italia è Federvini, la Federazione italiana industriali produttori importatori ed esportatori di vini acquaviti liquori sciroppi ed affini, che per voce del presidente Lamberto Vallarino Gancia, sottolinea la necessità di non generalizzare. “Demonizzare il vino e le bevande alcoliche non serve a nulla. È necessario agire, soprattutto nei confronti dei giovani, per promuovere stili di consumo mediterranei, e cioè moderati, conviviali e ai pasti, tipici della nostra cultura secolare e garanzia di responsabilità e misura”.

“In Italia - ricorda Vallarino Gancia - contrariamente a quanto succede negli altri Paesi europei (e in particolare con quelli del Nord: UK e Germania) la tendenza ad eccedere con l’alcol riguarda una piccola parte della popolazione. In particolare poi, il Binge drinking, bere eccessivamente con lo scopo di stordirsi, nel nostro Paese è un fenomeno meno frequente e riguarda un segmento molto ristretto di giovani, solo uno su dieci. È il segno – conclude il numero uno dei produttori di vino e bevande alcoliche – che la cultura della moderazione nel nostro Paese è ben radicata, grazie all’insegnamento trasmesso dalle famiglie di uno stile di consumo responsabile, diluito, ai pasti e conviviale. Una modalità di consumo che non lascia spazio alla cultura dello sballo e agli incidenti stradali causati dall'eccesso di alcol”.

I gioielli nascosti della Garfagnana, da Barga a Castiglione, assaporando il Candia

23-08-2019 | Itinerari

Borghi medievali, corsi d’acqua spumeggianti, foreste selvagge, colline e picchi...

Addio a Lapo Mazzei, protagonista del Chianti Classico

22-08-2019 | News

All’età di 94 anni si è spento, nella sua tenuta...

L'assenzio di Pontarlier ottiene l'indicazione geografica

21-08-2019 | Arte del bere

L'assenzio di Pontarlier ha ottenuto l'etichetta di indicazione geografica per...

Complessità, acidità e tannini: in Uk la bevanda analcolica con 20 botaniche per accompagnare cibi gourmet

21-08-2019 | Trend

La britannica Nine Elms ha lanciato No.18, una bevanda senza alcool...

In Usa nasce Spirits United, piattaforma online per migliorare e promuovere l'industria delle bevande alcoliche

21-08-2019 | Estero

Il Distilled Spirits Council ha lanciato Spirits United, una piattaforma...

Aumento dell'Iva: cosa rischiano le aziende del vino

20-08-2019 | News

Uno degli elementi in discussione, durante queste giornate di crisi...

Federvini

   Via Mentana 2/B, 00185 Roma
+39.06.49.41.630
+39.06.44.69.421
+39.06.49.41.566
redazione@federvini.it
www.federvini.it
   C.F. 01719400580

Condividi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news del portale Federvini.

Seguici

  

© 2019 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection