News

01 dicembre 2009

I produttori europei di bevande alcoliche confermano il proprio impegno e adesione alle politiche sull’alcol dell’Unione europea, condannano fermamente l’abuso delle bevande alcoliche e sottolineano l’importanza di misure e programmi rivolti specificamente a coloro che fanno un utilizzo sconsiderato di questi prodotti piuttosto che quelle che colpiscono e penalizzano indiscriminatamente la maggior parte dei consumatori che invece hanno stili di consumo responsabili.

Ad affermarlo sono le principali sigle che riuniscono tutti i produttori di bevande alcoliche, e cioè il Comité Europeén des Entreprises Vins – CEEV e lo European Spirits Organisation – CEPS, in occasione dell’approvazione da parte del Consiglio dei ministri della Salute Ue del documento con le conclusioni sul consumo di alcolici.

A farne eco in Italia è Federvini, la Federazione italiana industriali produttori importatori ed esportatori di vini acquaviti liquori sciroppi ed affini, che per voce del presidente Lamberto Vallarino Gancia, sottolinea la necessità di non generalizzare. “Demonizzare il vino e le bevande alcoliche non serve a nulla. È necessario agire, soprattutto nei confronti dei giovani, per promuovere stili di consumo mediterranei, e cioè moderati, conviviali e ai pasti, tipici della nostra cultura secolare e garanzia di responsabilità e misura”.

“In Italia - ricorda Vallarino Gancia - contrariamente a quanto succede negli altri Paesi europei (e in particolare con quelli del Nord: UK e Germania) la tendenza ad eccedere con l’alcol riguarda una piccola parte della popolazione. In particolare poi, il Binge drinking, bere eccessivamente con lo scopo di stordirsi, nel nostro Paese è un fenomeno meno frequente e riguarda un segmento molto ristretto di giovani, solo uno su dieci. È il segno – conclude il numero uno dei produttori di vino e bevande alcoliche – che la cultura della moderazione nel nostro Paese è ben radicata, grazie all’insegnamento trasmesso dalle famiglie di uno stile di consumo responsabile, diluito, ai pasti e conviviale. Una modalità di consumo che non lascia spazio alla cultura dello sballo e agli incidenti stradali causati dall'eccesso di alcol”.

Coronavirus: sospesi fino al 31 marzo gli adempimenti tributari nelle zone "rosse"

25-02-2020 | News

 In seguito alla diffusione del Coronavirus e alla interruzione di...

Dazi Usa: tre strategie per gli spiriti italiani

23-02-2020 | News

Il 14 febbraio l’amministrazione Usa ha confermato i dazi del...

Arriva il cocktail ispirato al film di Aldo, Giovanni e Giacomo

22-02-2020 | Arte del bere

«I miei comici preferiti chiamano il loro anziano regista per...

Il monopolio svedese Systembolaget chiede un'ammenda di 3 milioni di corone alla app Vivino

22-02-2020 | News

Il monopolio svedese dell'alcool, Systembolaget, ha comminato alla società di...

Onav si apre alle etichette non convenzionali: verso un corso sui vini "anarchici"

21-02-2020 | Trend

Una definizione forte per una tematica di grande attualità, la...

Monopolio del Quebec troppo rigido sui prezzi: Comitè Vins e Spirits Europe chiedono più flessibilità

21-02-2020 | Estero

Il monopolio della provincia canadese del Quebec, SAQ, sta imponendo...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection