News

Sabato, 09 Luglio 2011

Mosca fa le barricate contro il vino italiano

di

News Vetro Il lungo brindisi ai successi del vino tricolore in Russia si interrompe bruscamente: da lunedì scorso le dogane del Paese fissano per l’import del prodotto italiano un valore minimo di 2,12 euro al litro, introducendo una nuova prassi destinata a riflettersi su un incremento dei prezzi al consumo fino al 30%. Una penalizzazione capace di mettere a repentaglio lo sviluppo di un business cresciuto nel 2010 del 64% a quota 104 milioni di euro, «cifra che sarebbe potuta raddoppiare entro un triennio - ha affermato il presidente di Federvini, Lamberto Vallarino Gancia - in assenza di barriere protezionistiche».

 

News Vetro Il lungo brindisi ai successi del vino tricolore in Russia si interrompe bruscamente: da lunedì scorso le dogane del Paese fissano per l’import del prodotto italiano un valore minimo di 2,12 euro al litro, introducendo una nuova prassi destinata a riflettersi su un incremento dei prezzi al consumo fino al 30%. Una penalizzazione capace di mettere a repentaglio lo sviluppo di un business cresciuto nel 2010 del 64% a quota 104 milioni di euro, «cifra che sarebbe potuta raddoppiare entro un triennio - ha affermato il presidente di Federvini, Lamberto Vallarino Gancia - in assenza di barriere protezionistiche». In un mercato in cui la produzione interna copre meno della metà della domanda e il vino rappresenta solo il 7% del consumo di bevande alcoliche, gli spazi di crescita appaiono infatti assai ampi. Ma i rischi per l’export italiano sono concreti, tanto più che ai vini francesi e spagnoli la dogana russa applica un valore minimo molto più basso, pari a 1,22 euro al litro. Per Vallarino Gancia, «una sperequazione inspiegabile.

continua a leggere su www.ilgiornale.it

 

Trasmissione delle planimetrie di cantine con capacità superiore ai 100 ettolitri

18-07-2018 | Normative

La disposizione prevede che i titolari di cantine o stabilimenti...

Cinque compagnie di alcolici cinesi nella Top 500 di Fortune China

18-07-2018 | Estero

Cinque aziende cinesi produttrici di bevande alcoliche sono entrate a...

Ue-Giappone: siglato accordo libero scambio. Per vino e spiriti rimosso il dazio ad valorem

18-07-2018 | News

Siglata a Tokyo l'intesa tra Giappone e Ue. Un accordo sul...

Modifica dei Regolamenti su Ocm vino e prodotti vitivinicoli aromatizzati: ecco le novità

18-07-2018 | Normative

E’ in corso di discussione a Bruxelles la proposta di...

Onu attacca il Made in Italy: "dannoso come il fumo"

18-07-2018 | News

Vino, olio d’oliva, pizza, Parmigiano Reggiano, Prosciutto di Parma nel...

Il Ceta della discordia: confermare le tutele senza allarmismi sui dati export

17-07-2018 | News

Continua ad infiammarsi la polemica sul Ceta, l’accordo commerciale tra...

© 2018 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori, Esportatori ed Importatori di Vini, Vini Spumanti, Aperitivi, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed Affini

Please publish modules in offcanvas position.