News

Cresce, nonostante le incognite sui dazi, la Brexit e le flessioni economiche, la fiducia delle grandi aziende italiane del vino per il 2020. Lo rileva un’indagine sugli stakeholder realizzata dall’Osservatorio Vinitaly-Nomisma Wine Monitor per wine2wine, la due giorni di formazione e networking per gli operatori targata Vinitaly in chiusura oggi a Veronafiere.

Secondo i dati dell’Osservatorio, le 13 top aziende intervistate (1,7 miliardi di euro di fatturato complessivo e 1 miliardo di euro di export, che equivale a una quota del 16% sul totale nazionale) ritengono infattisostanzialmente positivo l’anno che verrà. L’export registrerà un ‘aumento contenuto’ (da +2% a +5%) per la maggioranza del campione (54%), mentre identiche quote (23%) sono riservate agli ‘aumenti rilevanti’ e al mercato ‘stabile’.

Schermata 2019 11 26 alle 16.56.53

Nessun pessimista, quindi, nemmeno sul mercato interno che si divide equamente (38%) tra ‘aumento rilevante’ e ‘stabile’ in un quadro generale forse condizionato dalle eccellenti performance previste per le proprie aziende, dove prevalgono le crescite ‘rilevanti’ (62%) su quelle ‘contenute’. Tra i Paesi buyer con l’indice di fiducia maggiore, svettano - assieme agli Stati Uniti (87 su 100 l’indice di fiducia) - i 2 protagonisti degli accordi di partenariato, Canada (90/100) e Giappone (87/100), le cui crescite si segnalano già in evidenza quest’anno. E se anche per le inseguitrici Russia, Cina, e Svizzera l’asticella della crescita supera il 50% della fiducia, nessun calo è poi previsto in 2 aree a domanda emergente (Messico e Polonia) e in un mercato storico (Germania), in Brasile, Francia e Svezia prevale una previsione di mercato immutata. La maglia nera, infine, va al Regno Unito, unico a registrare una prevalenza di import in calo.

“Le nuove strategie di Vinitaly – ha detto il ceo di Veronafiere, Giovanni Mantovani – che stiamo mettendo a punto per una prima fase di start up già dalla prossima edizione, avranno un forte impatto sull'incoming. In particolare, si punterà sempre più sull’interazione con le imprese in ottica di mercato. L'innovativo progetto in cantiere prevede un'accelerazione del dialogo diretto, che diventerà ancora più serrato, con chi fa il business, sia per recepire il sentiment commerciale nelle piazze strategiche, sia per avere un feed-back continuo dai buyer presenti a Verona”.

Per il responsabile dell’Osservatorio Vinitaly-Nomisma Wine Monitor, Denis Pantini: “In uno scenario globale dominato dall’incertezza, le imprese italiane mantengono una visione improntata all’ottimismo soprattutto in quei mercati dove le incognite sono minori grazie anche agli accordi di libero scambio, oltre ad un ritrovato mercato nazionale che sembra aver raggiunto un suo equilibrio dopo decenni di calo continuo, soprattutto sul fronte dei consumi in quantità”.

Trieste: esperienze outdoor tra il mare e il Carso

26-11-2021 | Itinerari

Trieste è una città di mare, ma non solo. Alle...

Il Prosecco rosé più amato dagli inglesi? E’ quello di Kylie Minogue

25-11-2021 | Estero

C'è un Prosecco rosé che ha letteralmente "sbancato" nel Regno...

Craft-mania negli Usa: previsto un balzo per gli alcolici artigianali

25-11-2021 | Trend

Nel 2020 i liquori artigianali negli Stati Uniti hanno incrementato...

Il futuro digitale del vino italiano 2021: le cantine accelerano la transizione

23-11-2021 | Studi e Ricerche

Maggiore sostenibilità con il 28% delle cantine (7 su 25)...

Nuove Causali di Trasporto per l’MVV-e

23-11-2021 | Normative

Segnaliamo che il Ministero ha comunicato l’implementazione delle voci relative...

Vino e spiriti corrono ma resta l’incognita pandemia e pesa troppo l’aumento dei costi

23-11-2021 | News

Aumento dei consumi - dopo l'impennata off-trade durante i mesi...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.