News

Mosca vuole cambiare in corsa le regole del trade enologico: si rischia un nuovo protezionismo proprio nel mercato di sbocco piu' dinamico al mondo". E' la sintesi del messaggio lanciato oggi a Mosca da Lamberto Vallarino Gancia, presidente di Federvini e Ceev (Comite' europe'en des entreprises vins) e Giancarlo Voglino, coordinatore dell'Istituto del vino italiano 'Grandi Marchi', associazione che riunisce le 17 aziende-icona del vino italiano nel mondo. "Chiediamo attenzione al Governo Russo - hanno detto i due player del vino italiano nell'ambito della manifestazione "Solo italiano" organizzata dalla IEM, International Exhibition Management - e soprattutto criteri uniformi a quelli internazionali all'insegna di una maggiore liberalizzazione.

continua a leggere su: www.agi.it

Lorenzo Barbero nuovo presidente del Consorzio Asti Spumante e Moscato d’Asti Docg

23-01-2021 | Trend

Lorenzo Barbero è il nuovo presidente del Consorzio per la tutela dell’Asti...

Ismea: -3,4% l'export di vino nei primi dieci mesi del 2020

22-01-2021 | News

Ismea conferma anche ad ottobre il calo delle esportazioni di vino...

Mega cantina nell'Oxfordshire per i Beckham

22-01-2021 | Arte del bere

Molte star dello spettacolo e dello sport sono appassionate al...

Accesso al credito facilitato per le aziende del Nobile di Montepulciano

22-01-2021 | News

Rafforzare l'accesso al credito per le aziende della filiera vitivinicola...

Via libera al decreto Fermentazione vini

22-01-2021 | Normative

Intesa raggiunta in Conferenza Stato-Regioni sul decreto ministeriale che regola...

Faq Covid: asporto fino alle 22, ma vietato ai bar senza cucina

22-01-2021 | News

"La vendita con asporto è possibile anche dalle 18.00 alle...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.