News

Da oggi le Colline di Conegliano e Valdobbiadene sono il 55° sito italiano “Patrimonio dell’Umanità”. Così ha decretato l’Assemblea Unesco riunita in Azerbaijan. “Grande soddisfazione e immensa gioia per l’iscrizione a Patrimonio dell’Umanità delle Colline di Conegliano Valdobbiadene - dichiara Innocente Nardi, presidente dell’Associazione Temporanea di Scopo “Collinedi Conegliano Valdobbiadene Patrimonio dell’Umanità” e del Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOC - . A Baku, l’Assemblea mondiale Unesco ha assegnato alle nostre colline quest’ambito riconoscimento, da oggi quindi rappresentano il 55° sito italiano da proteggere e tutelare perl’unicità del suo paesaggio culturale. Grazie al lavoro svolto da una squadra eccezionale capitanata dal governatore della Regione Veneto Luca Zaia, con il contributo dei Ministeri competenti e l’impeccabile lavoro del comitato scientifico, presieduta da Mauro Agnoletti, e, non ultimo, il supporto della Delegazione italiana Unesco, abbiamo raggiunto questo traguardo".

1106 2019 Baku delegazione italiana esulta per colline del Prosecco

In reatà il riconoscimento non rappresenta il punto di arrivo, ma un’importante tappa di un percorso che - ha spiegato Nardi - mira "alla valorizzazione del patrimonio culturale, artistico ed agricolo presente in questo piccolo territorio, noto per ilsuo prodotto principe, il Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore”.

L’iter della candidatura è durato dieci anni, un percorso lungo e non privo di difficoltà, sebbene nella media degli altri siti iscritti, durante il quale è emersa grande coesione delle parti promotrici, dalle amministrazioni comunali alle associazioni di categoria, agli imprenditori del territorio fino agli abitanti. Propulsore e anima della candidatura sono stati i produttori del Consorzio del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Docg.  “Fin dall’inizio e per l’intero percorso della candidatura - ha aggiunto Nardi - non hanno mai smesso di credere nell’unicità del paesaggio delle nostre colline ricamate dai vigneti, dai pendii impervi che richiedono fatica e lavoro interamente manuale. Questo impegno che generazioni di viticoltori hanno speso nelle vigne per forgiare “i mosaici”, che oggi ammiriamo, e i caratteristici “ciglioni”, che contraddistinguono la nostra viticoltura e quindi il nostro territorio, ha permesso di arrivare al riconoscimento Unesco”.

Da oggi l’impegno di tutti, in primis del Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Docg in sintonia con l’Associazione di gestione del sito, di nuova costituzione, sarà rivolto alla conservazione e alla manutenzione dei beni paesaggistici iscritti, con particolare attenzione alle raccomandazioni Unesco, in coerenza con l'obiettivo di un equilibrato e armonico sviluppo economico e sociale.

L’obiettivo della valorizzazione comporta lo sviluppo sostenibile dell’area iscritta, possibile grazie a un piano di gestione studiato in accordo tra istituzioni private e pubbliche. Il primo aspetto che sarà affrontato dalle parti coinvolte, e dal Consorzio di Tutela, sarà uno sviluppo controllato del turismo nel territorio, con garanzie di approccio sostenibile. Il paesaggio delle Colline di Conegliano e Valdobbiadene è il 10° sito al mondo iscritto alla categoria di “paesaggio culturale” ed è caratterizzato da tre attributi unici, basati sulle differenti caratteristiche geomorfologiche e culturali, rispetto agli altri nove territori (Alto Douro - Portogallo, Tokaj - Ungheria, PicoIsland - Portogallo, Lavaux - Svizzera, Langhe Roero e Monferrato - Italia, Champagne - Francia, Borgogna -Francia, Saint-Emilion – Francia, Wachau - Austria). Tutti e dieci i siti sono paesaggi culturali evolutivi, il cui risultato visibile è dato dall’interazione uomo-ambiente, un’interazione vitale, in continua evoluzione.

 

Treccani accoglie le DOP e le IGP nel patrimonio culturale italiano

13-12-2019 | News

Presentato a Roma l’Atlante Qualivita -  I prodotti agroalimentari e vitivinicoli italiani...

Viaggio alla scoperta dei prodotti della Campania attraverso il presepe napoletano

13-12-2019 | Itinerari

Viaggio alla scoperta dei prodotti tipici della regione Campania attraverso...

Ice-Prometeia: decisa crescita degli scambi mondiali nel biennio 2020-2021

12-12-2019 | Studi e Ricerche

Una fotografia dell’evoluzione del commercio con l’estero nell’ultimo rapporto Ice-Prometeia...

Le pratiche enologiche dell’OIV integrate e pubblicate dalla UE in 21 lingue

12-12-2019 | News

È stato pubblicato il 5 dicembre 2019 nella Gazzetta ufficiale dell’Unione...

Veronafiere: una società a Shenzhen per organizzare fiere ed eventi in Asia

11-12-2019 | Estero

Veronafiere ha creato con un partner una newco di diritto...

Australia: vini più tutelati con il nuovo elenco delle etichette per l'export

11-12-2019 | Estero

Come riportato in un avviso FIVS del 26 aprile 2019...

Federvini

   Via Mentana 2/B, 00185 Roma
+39.06.49.41.630
+39.06.44.69.421
+39.06.49.41.566
redazione@federvini.it
www.federvini.it
   C.F. 01719400580

Condividi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news del portale Federvini.

Seguici

  

© 2019 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection