News

Il divieto è diventato effettivo martedì scorso. Vietate le pubblicità di vino, birra e spiriti negli spazi di proprietà municipale a New York. Lo ha deciso il sindaco Bill de Blasio. Il divieto non ha effetto  nei luoghi dove la vendita di questi prodotti è permessa, come stadi, concert hall e ovviamente ristoranti e bar.

Però le pubblicità spariranno alle fermate degli autobus (e sui bus), edicole, chioschi, pensiline e wi-fi spot. Lo scorso anno era già scattato il divieto di affissioni nelle stazioni della metropolitana e sui convogli.

I cartelloni attualmente affissi resteranno visibili fino al termine dei contratti.

Il sindaco della Grande Mela ha motivato la decisione con la volontà di “proteggere il benessere dei newyorkesi”. Il sindaco ha ricordato che secondo le statistiche dei pronto soccorso cittadini nel 2016 sono state effettuate 110mila visite “collegate a problemi di alcol”.

L’anno scorso la città ha guadagnato circa 2,7 milioni di dollari dalle pubblicità di alcolici e rappresentanti della municipalità hanno affermato di non temere cali dei ricavi per effetto dei nuovi divieti. Jay Hibbard, vicepresidente del Distilled Spirit Council, ritiene la presa di posizione dl sindaco “non supportata da evidenze scientifiche”. Hibbard ha sottolineato che “a New York l’assunzione di spiriti da parte di minorenni è calata del 35% negli ultimi dieci anni” e ricordato che altre città hanno abbandonato i divieti alla pubblicità di spirits senza aver “alcun effetto negativo” sull’andamento dei consumi.

Esperti del settore sostengono che, semplicemente, le aziende per la loro comunicazione si affideranno a media più moderni della cartellonista tradizionale.

Ue prevede una contrazione fino al 16% del commercio mondiale nel 2020

05-06-2020 | News

La Commissione europea ha pubblicato un secondo report (tradoc_158764.pdf)  sull'impatto...

Regno Unito: il Governo fornisce elenco di agenti doganali e corrieri espressi accreditati

05-06-2020 | Estero

Il Governo britannico mette a disposizione un elenco di agenti...

La bellezza di Riale e la Val Formazza

05-06-2020 | Itinerari

Riale, in Val Formazza, è il comune più settentrionale del...

Birmania, liberalizzate le importazioni di liquori stranieri

04-06-2020 | Estero

Continua il percorso di apertura del mercato birmano, con l’abrogazione...

Un Cognac pre-rivoluzione francese va all'asta per 150mila dollari

04-06-2020 | Arte del bere

Quasi 150mila dollari per un Cognac pre-rivoluzione francese. È quanto...

Dazi Usa: riprendere al più presto il dialogo tra Ue e Washington

04-06-2020 | News

L'urgenza di fronteggiare l'epidemia mondiale da Covid-19, come ben comprensibile...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection