News

L'8 marzo ogni anno è un'occasione per fare il punto sul ruolo delle donne nel mondo dell'imprenditoria. C'è ancora strada da fare, ovviamente, ma ogni anno le cose migliorano. In Italia le amministratrici delegate sono 5mila contro 17mila amministratori. Sono 214.000 imprese agricole guidate da donne in tutta Italia, di cui 109.000 al Sud (dati Ismea), con un fatturato di 9 miliardi di euro (su un totale di 26). Ma le titolari donne guadagnano il 6% in meno rispetto ai colleghi maschi.

Nel vino il 35% della forza lavoro è femminile. Secondo i numeri Nomisma Wine Monitor su dati Eurostat le imprese vitivinicole sono quasi 27mila, ovvero il 25% del totale, con punte di eccellenza che vanno dal 61% della Valle d’Aosta ad appena il 5% dell’Umbria. La Regione in cui si trovano più imprese vinicole guidate da donne per numero è la Sicilia con circa 6.700 aziende, contro la Liguria dove sono appena 10.

 Aziende viticole specializzate a conduzione femminile nel 2016

Val d'Aosta Piemonte Lombardia Trentino Veneto Friuli Liguria Emilia Toscana Marche Umbria Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna
Sicilia
nr. di Aziende viticole a conduzione femminile: 6.720
Valle d'Aosta
nr. Aziende viticole a conduzione femminile: 110
Piemonte
nr. Aziende viticole a conduzione femminile: 1.550
Lombardia
nr. Aziende viticole a conduzione femminile: 350
Trentino Alto Adige
nr. Aziende viticole a conduzione femminile: 260
Veneto
nr. Aziende viticole a conduzione femminile: 2.710
Friuli Venezia Giulia
nr. Aziende viticole a conduzione femminile: 540
Liguria
nr. Aziende viticole a conduzione femminile: 10
Emilia Romagna
nr. Aziende viticole a conduzione femminile: 1.190
Toscana
nr. di Aziende viticole a conduzione femminile: 1.510
Umbria
nr. Aziende viticole a conduzione femminile: 30
Lazio
nr. di Aziende viticole a conduzione femminile: 1.130
Marche
nr. di Aziende viticole a conduzione femminile: 710
Abruzzo
nr. di Aziende viticole a conduzione femminile: 2.110
Molise
nr. di Aziende viticole a conduzione femminile: 280
Campania
nr. di Aziende viticole a conduzione femminile: 1.900
Puglia
nr. di Aziende viticole a conduzione femminile: 3.520
Basilicata
nr. di Aziende viticole a conduzione femminile: 500
Calabria
nr. di Aziende viticole a conduzione femminile: 470
Sicilia
nr. di Aziende viticole a conduzione femminile: 6.720
Sardegna
nr. di Aziende viticole a conduzione femminile: 1.180

 donne

  Fonte: Nomisma Wine Monitor su dati Eurostat. Nota: I dati riguardano le aziende viticole specializzate, vale a dire quelle aziende la cui produzione di uva è prevalente in termini di reddito ottenuto rispetto alle altre coltivazioni presenti in azienda. Per coltivazione di uva si intende tutta l’uva, senza distinzione tra uva da vino e da tavola. Considerando che in Puglia si produce molta uva da tavola, per quella regione il dato è influenzato da questa tipologia di produzione.

«L’immagine del vino del terzo millennio appare decisamente femminilizzata grazie al nuovo ruolo delle donne nella produzione, nel commercio e soprattutto nei consumi – dice Donatella Cinelli Colombini, presidente nazionale dell’Associazione Donne del Vino - Per 8.000 anni il vino è stato un ambito quasi solo maschile, ma ormai non è più così. Oggi le donne guidano quasi un terzo delle cantine italiane e il 24% delle imprese commerciali al dettaglio del vino (dati Cribis- Crif). A livello mondiale sono loro a comprare la maggior parte delle bottiglie, il 40% dei corsisti wine expert Wset sono donne e in Asia, le giovani con gli occhi a mandorla stanno assumendo un ruolo protagonista del mercato». Per promuovere la partecipazione delle donne l’associazione sta predisponendo il progetto Future ovvero un archivio telematico con tutte le opportunità formative in cantine, enoteche, ristoranti, agenzie giornalistiche e di pr, studi di consulenza enologica cioè in ogni segmento della filiera del vino. Un’idea di Alessandra Boscaini, delegata del Veneto.

«Rispetto a solo dieci anni fa – commenta Micaela Pallini, presidente del settore Spiriti di Federvini – vedo molte più donne intorno a me. Anche qui in Federazione: quando sono entrata ero quasi l’unica a sedere a tavoli di soli uomini. Oggi non è più così. Basta pensare che ben due presidenti su tre dei nostri settori, ovvero Sipiriti e Aceti, sono donne».

Soprattutto nel mondo degli Spirits dove le aziende sono o multinazionali o familiari il ruolo delle donne sta crescendo. «Nelle piccole aziende – prosegue Pallini – è sempre più facile che le figlie prendano le redini lasciate dai padri, così come è sempre più normale che le grandi multinazionali siano attente al gender equality. Ma spesso le differenze si trovano nelle retribuzioni e nei premi annuali, dove le donne restano ancora penalizzate». Secondo uno studio condotto nel Regno Unito sul gender pay gap delle multinazionali di spiriti e vino, per esempio, i premi medi delle donne sono quasi un quarto in meno rispetto ai loro colleghi maschi, mentre gli stipendi delle donne in posizioni apicali sono inferiori dal 6 al 35%.

«Dall’altra parte, però – conclude Pallini –, vedo donne crescere in ruoli prima preclusi: dalla gestione dei bar, alle agenti di commercio, alle grossisite. E in questi campi si rivelano molto più preparate e determinate degli uomini. Mi piacerebbe vedere, invece, più donne buyer con cui dialogare, ruolo in cui ancora sono rare. Credo sarebbe un vantaggio per le aziende e per la distribuzione».

"Volti di Barbaresco", mostra permanente che consacra le eccellenze dell'enologia

09-07-2021 | Itinerari

Un’esposizione permanente e in grande formato: le immagini dei produttori...

Aceto Balsamico del Duca festeggia i suoi 130 anni di "oro nero"

24-06-2021 | News

Centotrenta bottigliette di Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP Extravecchio...

Valpolicella, primo report annuale: più sostenibilità e contenimento produttivo

24-06-2021 | Trend

Una superficie vitata di 8.398 ettari, con il suo capoluogo...

Ecco le prime regole sulla certificazione di sostenibilità della filiera vitivinicola

24-06-2021 | News

Segnaliamo l’adozione del Decreto Dipartimentale n. 288989 del 23 giugno...

Cina: approvato un piano di sviluppo del vino di 15 anni per la regione di Ningxia

24-06-2021 | Estero

Il governo centrale cinese ha approvato un piano di sviluppo...

Fondazione SOStain, la Sicilia del vino sempre più "green"

24-06-2021 | Trend

Ad un anno dall’atto di costituzione, la Fondazione SOStain Sicilia entra nella...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.