News

La Commissione ha rettificato il testo del regolamento sul vino per assicurare l'indicazione di origine delle uve nelle bottiglie prodotte con vitigni internazionali (Chardonnay, Merlot, Cabernet, Sauvignon e Shiraz). Scongiurato quindi il rischio che i viticoltori europei potessero chiamare 'italiano' il vino prodotto con uve straniere. Grazie ad un lavoro di squadra con i rappresentanti del settore in Italia è stato fatto notare l’errore alla Commissione Ue che ha corretto il testo dell’atto in applicazione della normativa europea. Oggi infatti è stata recepita la rettifica al regolamento della Commissione europea, in cui si chiarisce che l'indicazione di origine che accompagna i vini ‘varietali' (che riportano in etichetta solo il nome di uno o più varietà di uve) dovrà corrispondere al luogo in cui le uve sono state raccolte e non solo trasformate in vino. "Di fronte all'evidenza dei rischi per il settore e per i consumatori, infatti, i funzionari del commissario Phil Hogan non hanno esitato a portare le rettifiche necessarie", ha sottolineato Paolo De Castro, primo vicepresidente della Commissione agricoltura del Parlamento Ue.

"Nei lavori di riscrittura del regolamento 607 – commenta Federvini – è emerso un errore fra le diverse edizioni linguistiche. L'italia se ne è accorta e ha ottenuto la correzione che probabilmente avverrà con un regolamento separato, dal momento che la riscrittura aveva completato il suo iter. Il nostro commento non può che essere positivo, sottolineando la fermezza del ministero nel chiedere e ottenere la correzione immediata”.

In allegato il testo del Regolamento. Qui si può scaricare il Regolamento nella versione corretta.

Si amplia l'offerta di dati sul mondo beverage: IWSE acquisisce Wine Intelligence

18-01-2021 | Studi e Ricerche

IWSE, fornitore a livello globale di dati del settore beverage...

Lo spazio fa bene al vino? Rientrate dopo un anno in orbita 12 bottiglie di Bordeaux

18-01-2021 | Arte del bere

Come agisce la microgravità sull'invecchiamento di un vino? Lo sapremo...

Vinarius scrive a Conte: eliminare il divieto di asporto dopo le 18

17-01-2021 | News

Andrea Terraneo, Presidente di Vinarius, l’Associazione delle Enoteche italiane, ha...

Prosecco Doc: più di 500 milioni di bottiglie certificate nel 2020

15-01-2021 | Trend

È stata superata nel 2020 la soglia delle 500 milioni...

Firmato da Conte il Dpcm che vieta l'asporto di cibi e bevande dopo le 18. Ecco il testo

15-01-2021 | News

Pubblichiamo il testo del DPCM 14 gennaio, da poco firmato...

In Gazzetta il Dl che proroga lo stato d'emergenza

15-01-2021 | Normative

Pubblicati in Gazzetta Ufficiale gli ultimi provvedimenti del Governo per...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.