Dall'estero

È stato recentemente pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea l’Accordo di Libero Scambio tra l’Unione Europea e la Nuova Zelanda. Questo accordo introduce un sistema di protezione per le Indicazioni Geografiche (ig) delle parti coinvolte.

Tra le denominazioni di origine protette (Dop) e le indicazioni geografiche protette (Igp) italiane incluse nell’Accordo, ci sono alcuni nomi familiari del panorama agroalimentare italiano come l'Aceto Balsamico di Modena, il Parmigiano Reggiano e la Mozzarella di Bufala Campana.

Il Comitato per il Commercio ha il potere di aggiungere ulteriori Indicazioni Geografiche all'elenco stabilito nell’Accordo, con il limite di non superare 30 nuove Dop e Igp per ciascuna parte ogni tre anni dalla data di entrata in vigore dell’Accordo.

Il Portogallo rinuncia al Nutriscore

27-05-2024 | News

Il Portogallo rinuncia al Nutriscore. José Manuel Fernandes, nuovo ministro...

Ismea aggiorna i termini: nuove scadenze per le garanzie Gr8 e U35

27-05-2024 | Normative

La Commissione europea, con la decisione C(2023) 9090 final del...

Rapporto Agriturismo: massimo storico di aziende e focus su sostenibilità e innovazione

27-05-2024 | Studi e Ricerche

Nuovo massimo storico per le aziende agrituristiche italiane. È il...

Per il centenario Oiv lancia un concorso fotografico sul cambiamento climatico

24-05-2024 | News

Nell’ambito del Centenario dell’OIV e dell’Anno internazionale della vigna e...

Cina, la lenta avanzata dei wine bar

24-05-2024 | Trend

Continua la crescita dei bar in Cina. La “Guida ai...

Scoperte in una cantina austriaca ossa di mammut di 40mila anni fa

24-05-2024 | Trend

Un viticoltore austriaco ha fatto una scoperta spettacolare durante i...

Please publish modules in offcanvas position.