L'arte del bere

Un panorama a 360° all'insegna del gusto e dello stile mediterraneo

Dal 23 al 25 giugno a Velletri si è celebrato il festival della Cultura del Vino dal titolo Tutti giù in Cantina, organizzato dal Crea Viticoltura ed Enologia, insieme all’associazione Idee in Fermento, nella storica sede del centro di ricerca in via Cantina Sperimentale.

«Il nostro Centro di Viticoltura ed Enologia si impegna in ogni regione a rilanciare una cultura vitivinicola nuova e competitiva. Eventi come questo di Velletri, nostra sede storica e prestigiosa, vuole contribuire a far conoscere le potenzialità della vitivinicoltura laziale, sia per farla affermare presso mercati importanti come Roma, sia per recuperare terreno perduto con l'abbandono di molte zone, una volta vitate, sedi di una biodiversità importante per il Centro Italia. La sostenibilità è sempre al centro delle nostre scelte e, grazie alla nostra pluriennale collaborazione con Arsial, puntiamo al recupero di varietà antiche, alla produzione di nuove varietà resistenti, incrociando varietà autoctone con le migliori resistenti sul mercato, ed infine alla gestione sostenibile ed ecocompatibile del vigneto, diffondendo metodi e protocolli innovativi»  ha dichiarato Riccardo Velasco, direttore del Crea Viticoltura ed Enologia

«Tutti giù in cantina - commenta Giancarlo Righini, assessore Agricoltura Regione Lazio - possiamo ormai considerarlo come uno degli appuntamenti più attesi e importanti della nostra Regione. Un evento che testimonia al meglio gli obiettivi della legge sull’eno-oleo turismo, che abbiamo approvato in Giunta pochi giorni fa. Al Crea di Velletri, infatti, le eccellenze agroalimentari del territorio diventano un importante volano sia turistico che economico con una straordinaria proiezione internazionale. Una sinergia ormai imprescindibile  - conclude - e che, sono sicuro, permetterà al settore di fare un definitivo salto di qualità».

Un palinsesto molto fitto ha caratterizzato la tre giorni di festival: tavole rotonde, performance teatrali e musicali, passeggiate scientifiche nel vigneto in compagnia dei ricercatori del Crea e installazioni artistiche. Sul fronte vino, non sono mancate le degustazioni a disposizione del pubblico, con oltre 200 etichette fra le migliori produzioni enologiche d’eccellenza della Regione Lazio, ma anche nazionali ed internazionali, cui si sono aggiunte quelle guidate da esperti del settore.

Il Cile è stato il Paese ospite d’onore di quest’anno.

 

NoviAgri, primi prototipi e app per il controllo delle malattie in vigneto

23-02-2024 | Studi e Ricerche

Il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato ha illustrato...

Vermouth di Torino, consumi in crescita e nuovi “Ambasciatori”

23-02-2024 | Trend

Il Vermouth di Torino, tipica eccellenza del Piemonte, fa sempre...

Mezcal, un ingrediente artigianale nuova star della mixology

22-02-2024 | Trend

Il Mezcal, antica bevanda messicana, vive un momento di rinascita...

Vini dealcolizzati e parzialmente dealcolizzati: le faq della Commissione Ue

21-02-2024 | Normative

Sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea del 15 gennaio 2024 è...

Investimenti 2024-2025: il Masaf proroga le domande

21-02-2024 | Normative

Il Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (Masaf)...

Ratifica dell’accordo Ue-Canada: i benefici per vini e spiriti italiani

20-02-2024 | News

Si è svolta  l’Audizione informale di Federvini sulla Ratifica ed esecuzione...

Please publish modules in offcanvas position.