L'arte del bere

Un panorama a 360° all'insegna del gusto e dello stile mediterraneo

Nell’anno in cui si celebrano i 140 anni dalla fondazione, le Cantine Pellegrino inaugurano una nuova sala dedicata ai suoi Manifesti Storici, un luogo dove riscoprire il volto e l’immagine che nel tempo ha caratterizzato questa cantina, creata a Marsala nel lontano 1880 da Paolo Pellegrino e diventata negli anni leader nella produzione di vini bianchi e rossi, moscati e passiti di Pantelleria e marsala, tutti provenienti da vitigni autoctoni della Sicilia, espressione più autentica di un territorio.
 
La visita alla cantina è un percorso a ritroso nel tempo, dove le grandi botti di rovere in cui riposa il marsala aprono la strada a un viaggio multisensoriale, fatto di profumi, di sensazioni tattili, di assaggi. La visita si snoda lungo diverse sale prima di giungere ai Manifesti Storici, appesi alle pareti l’uno accanto all’altro, per consentire ai visitatori di cogliere le differenze di stile e di linguaggio usate dalla pubblicità nel corso degli anni.
 
Un tunnel buio conduce ai manifesti, che illuminati singolarmente, si stagliano in una scenografica atmosfera. Tra le linee più rigorose degli anni Venti del secolo scorso e lo stile pop e colorato degli anni Sessanta e Settanta si giunge alle immagini dei giorni nostri, con la definizione di uno stile New Vintage che è la cifra attuale della cantina, rappresentato dalla silhouette di una elegante donna che come abito veste una bottiglia di vino. Un poster ideato negli anni Sessanta da Dady, uno degli illustratori più celebri dell’epoca, appositamente per la Pellegrino, come era consuetudine tra i grandi marchi.
 
La Sala Manifesti Storici, ubicata nella parte terminale delle bottaie storiche di Marsala, arricchisce e completa il percorso di visita in cantina di nuovi e interessanti contenuti. I Manifesti Storici non sono l’unica collezione custodita ed esposta nei locali delle Cantine Pellegrino. Cinque carretti siciliani dell’Ottocento perfettamente restaurati fanno bella mostra di sé in una sala dedicata, oltre a un magnifico calco in gesso originale della Nave Punica di Marsala, esposto in tutta la sua grandezza. Senza dimenticare una nutrita raccolta di attrezzi ultracentenari appartenuta a Mastri Bottai del luogo, alcuni scavi archeologici di età punica e la totalità del celebre Archivio Ingham-Whitaker, che custodisce la cronaca dei primi scambi commerciali del liquore marsala con l’Inghilterra.
 

Dazi, 72 associazioni scrivono a Biden e von der Leyen per la sospensione

25-01-2021 | News

Settantadue associazioni statunitensi ed europee in rappresentanza dell'industria hanno inviato...

Barbera d’Asti e Vini del Monferrato chiudono il 2020 "in tenuta": stabili vendemmia e imbottigliato

25-01-2021 | Trend

Il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato ha chiuso il 2020...

Brunello di Montalcino: boom di vendite digital nel Nord America

25-01-2021 | Estero

Quasi 18mila bottiglie di Brunello (+300% sul 2019) vendute negli...

A Cannes un film sulle grandi protagoniste della storia delle bollicine

25-01-2021 | Arte del bere

Un tributo alle grandi donne della storia delle bollicine. Sarà...

Crea: il sistema agroalimentare vale il 15% del Pil nazionale

25-01-2021 | Studi e Ricerche

Con oltre 522 miliardi di euro, il sistema agroalimentare italiano...

Lorenzo Barbero nuovo presidente del Consorzio Asti Spumante e Moscato d’Asti Docg

23-01-2021 | Trend

Lorenzo Barbero è il nuovo presidente del Consorzio per la tutela dell’Asti...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.