L'arte del bere

Un panorama a 360° all'insegna del gusto e dello stile mediterraneo

Dopo un buon 2019 che in Italia ha visto salire gli enoturisti a 15 milioni (+7%), con un aumento del giro d'affari del 6% (da 2,5 a 2,65 miliardi di euro), quest'anno anche tra vigne e cantine, inevitabilmente, si sconteranno gli effetti del Covid-19. Tuttavia si lavora con grande impegno perché sia una battuta d'arresto temporanea. È quanto emerge dal XVI Rapporto sull'enoturismo presentato in webinar dall'associazione delle 460 Città del vino che stanno studiando la ripartenza con nuove modalità - anche per Calici di Stelle, in programma ad agosto - e soprattutto nuovi servizi, anche virtuali, e un'accessibilità ai territori ampia e di qualità, con sentieri, piste ciclabili, itinerari culturali-enogastronomici e una nuova alleanza tra pubblico e privato. Secondo il presidente delle Città del vino Floriano Zambon per una effettiva rinascita dell'Italia "minore" dei borghi e delle campagne è prioritario "estendere e rendere più incisive la detraibilità o almeno la deducibilità della spesa turistica delle famiglie. Ma soprattutto prevedere nuovi fondi per riqualificare i territori e per la promozione". Zambon sottolinea poi il "ruolo strategico delle istituzioni locali per il rilancio: l'enoturismo è patrimonio economico, sostenibile e culturale".
Il XVI Rapporto ha analizzato anche un campione di enoturisti di età media di 48 anni per delineare l'identikit del wine lover in viaggio per l'Italia. Il 45% ha dichiarato di visitare e trascorrere un periodo di vacanza nei territori del vino almeno una volta l'anno; il 30% più di una volta l'anno; il 9% almeno una volta al mese.

Schermata 2020 05 29 alle 17.44.46
Ed è un turista del vino prevalentemente "regionale" poiché il 30% rientra normalmente a casa a fine giornata e il 23% rientra sempre a casa. Nel 60% dei casi i turisti hanno anche dichiarato infatti di visitare più frequentemente le cantine della regione di residenza.

Schermata 2020 05 29 alle 17.44.12
Per l'escursionista giornaliero la spesa si traduce mediamente in 80 euro tra acquisti e degustazioni; mentre per chi pernotta la spesa giornaliera lievita mediamente a 155 euro.

Schermata 2020 05 29 alle 17.44.28
Infine anche quest'anno la Toscana si conferma la regione enoturistica percepita come più attrattiva; a seguire il Piemonte, il Trentino Alto-Adige e il Veneto al Nord e la Campania al Sud.

Qui il testo del rapporto.

Conai: dal 2022 ridotto il contributo ambientale per imballaggi

23-10-2021 | News

Il Consiglio di amministrazione CONAI ha deliberato un’ulteriore riduzione del...

Sui social si parla sempre più di food (+57,4%) e di vino (+29,1%)

23-10-2021 | Studi e Ricerche

In questi ultimi anni il settore del food ha lanciato...

Aceto Balsamico di Modena Igp vince il premio Smau all'innovazione

23-10-2021 | News

Aceto Balsamico di Modena sempre più “innovativo”: al video immersivo...

Esonero contributivo per il periodo di febbraio 2021: ecco la circolare INPS

22-10-2021 | Normative

Segnaliamo la pubblicazione della circolare n. 156 del 21 ottobre...

Noli alle stelle, aumenti record per materie prime ed energia: così si rischia di vanificare la ripresa

22-10-2021 | News

Federvini lancia l’allarme sulle prospettive per i vini, gli spiriti e...

Vision 2030, il primo progetto che unisce manager, imprenditori e professionisti del vino

22-10-2021 | News

“Vision 2030 è un progetto esteso ai contributi di professionisti...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.