L'arte del bere

Un panorama a 360° all'insegna del gusto e dello stile mediterraneo

L’epidemia da coronavirus ha avuto, comprensibilmente, anche un impatto sulle aste di vino. Impossibili quelle “fisiche”, nelle ultime settimane si sono moltiplicate le aste di vini pregiati online, in alcuni casi anche a scopo “benefico” per venire in aiuto al mondo della ristorazione in lockdown.

Ma quali sono i parametri che regolano queste aste online? A cosa fare attenzione se non si è esperti?

Riportiamo i consigli pubblicati sul sito inglese specializzato sul vino Decanter.

Fare il gioco lungo

I tempi si allungano. Le aste solo online infatti si prolungano spesso diversi giorni.

"Abbiamo quattro aste al mese - afferma Alix Rodarie, direttore dello sviluppo internazionale di iDealwine, azienda specializzata in aste online, con sede in Francia -. Ciascuna dura circa 10 giorni, quindi hai sempre un'asta disponibile sul sito web."

Chris Munro, responsabile vino e alcolici per l’America di Christie’s, spiega che le vendite online durano due settimane “con un periodo di semplice consultazione prima che parta la diretta con le offerte".

Quindi l’acquirente ha la possibilità d studiarsi i lotti per diversi giorni prima dell’asta.

Pre-offerta: fai la tua ricerca

Come in ogni asta del vino, considera attentamente ciò che puoi permetterti e non lasciarti trascinare in una "guerra delle offerte” senza avere una ferma idea del tuo prezzo più alto.

Fai la tua ricerca sui prezzi di mercato e sulla disponibilità alternativa per tutti i lotti che sembrano interessanti e studia le informazioni sulla condizione e sulla provenienza delle bottiglie elencate. La maggior parte delle case elenca le stime dei prezzi per lotti specifici, che possono essere utili come guida.

Quando si pensa ai costi totali, è necessario tenere conto anche del premio sul prezzo di aggiudicazione, che varia tra le case d'aste, più eventuali tasse di vendita aggiuntive o costi di consegna. Controlla attentamente i termini e le condizioni di ogni casa.

Fare offerte

Prima di tutto, dovrai registrare un account presso la casa d'aste tramite il suo sito web in modo da poter fare offerte.

Da Christie’s le persone possono inserire un'offerta massima per ogni lotto che sono interessati ad acquistare in modo simile a una vendita" live ".

"Gli acquirenti vengono informati quando le loro offerte non sono più vincenti - spiega Munro - e possono aumentare l'offerta di conseguenza".

Diverse case d'asta utilizzano un sistema simile e l'impostazione di un'offerta massima può consentire di attivare una sorta di pilota automatico; la casa d'aste farà in modo che tu preceda gli inseguitori aumentando automaticamente la tua offerta bit per bit fino al valore dell'importo massimo dichiarato, che verrà nascosto agli altri offerenti.

La casa d'aste online statunitense WineBid descrive la propria versione del sistema in questo modo: "La tua offerta inizierà al prezzo più basso richiesto per vincere e aumenterà automaticamente in risposta alle offerte concorrenti".

Quando gli acquirenti fanno offerte?

"Ci sono una tonnellata di offerte quando si apre e quando si chiude” afferma Charles Antin, direttore creativo di Zachys.

"In generale, all'inizio e alla fine c'è molta attività” conferma Jamie Ritchie, responsabile mondiale del vino di Sotheby’s.

Tuttavia, anche gli offerenti dell'ultimo minuto, che si uniscono alla festa poche ore prima della chiusura dell'asta, hanno normalmente effettuato uno studio precedente: "Solitamente inseriscono avvisi sui lotti a cui sono interessati durante l'asta, ma attendono le ultime ore per effettuare le offerte", dice Rodarie di iDealwine, aggiungendo che gli osservatori possono vedere il numero di avvisi impostato rispetto a un lotto specifico.

Alcune case prolungheranno l'asta per un breve periodo di tempo, ad esempio alcuni minuti, se un'offerta concorrente viene piazzata vicino alla scadenza.

C’è differenza di prezzi?

Sembra di no. Per i vini giusti i prezzi possono essere elevati. "Una singola bottiglia di Mouton Rothschild 1986 venduta online in media realizzerà lo stesso prezzo di una vendita dal vivo” afferma Antin. La recente asta di Zachys  per i vini dei ristoranti di fascia alta di New York, a favore degli operatori dell'ospitalità, è stata un successo, bottiglie vendute al 100%. 

Tuttavia, le aste esclusivamente online tendono a coinvolgere lotti di dimensioni inferiori rispetto alle aste dal vivo.

"La tecnologia dell'asta online - spiegano a  Sotheby’s - si adatta alle vendite più piccole e più frequenti, con meno lotti e un valore complessivo inferiore per lotto".

Fai attenzione alle insidie

Come per qualsiasi acquisto di vino pregiato, è sempre bene rivolgersi a professionisti e cercare di scoprire il più possibile sulla proprietà e le condizioni precedenti del vino, incluso lo stoccaggio precedente.

Oltre a tenere d'occhio i prezzi di mercato, si potrebbe chiedere una consulenza di valutazione indipendente.

Se non si riesce a trovare quello cheti sta cercando online, è sempre meglio contattare direttamente la casa d'aste. In alternativa, cercare una consulenza professionale di terze parti prima di prendere una decisione.

Cantine e vigne: l'identikit dell'enoturista e le "ricette" post-Covid

29-05-2020 | Arte del bere

Dopo un buon 2019 che in Italia ha visto salire...

Agea aggiorna e integra i precedenti provvedimenti

29-05-2020 | Normative

Con circolare n. 36399 del 28 maggio 2020 Agea Coordinamento...

Covid-19, riepilogo normativa in vigore al 28 maggio

29-05-2020 | Normative

In allegato il documento di riepilogo della normativa adottata sia...

Il turismo del vino riparte con il la "terapia del paesaggio": trekking nelle vigne e degustazioni

29-05-2020 | Itinerari

L’emergenza Covid-19, secondo un’indagine condotta dal Movimento Turismo del Vino...

Vittoria per l'Aceto Balsamico di Modena Igp in Germania

28-05-2020 | News

La Suprema Corte Federale tedesca conferma la piena tutelabilità dell’Aceto...

Asolo Prosecco, al via il nuovo piano del "cru" di collina

28-05-2020 | News

Dopo aver superato i 17 milioni di bottiglie nel 2019...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection