L'arte del bere

Un panorama a 360° all'insegna del gusto e dello stile mediterraneo

E' stato presentato al Vinitaly, la fiera dedicata al vino appena conclusasi a Verona, il primo Dizionario dei vini e vitigni d’Italia italiano-cinese, pubblicato da Gambero Rosso e realizzato da un gruppo di lavoro interdisciplinare coordinato dall’Istituto Confucio dell’Università Statale di Milano. Il dizionario rappresenta un utile strumento lessicografico/terminologico per favorire gli scambi e la comunicazione tra esperti di enologia, consumatori e appassionati di vino in Cina, dove i prodotti italiani stanno conquistando sempre maggior interesse. 

Per realizzare il dizionario è stato necessario un accurato lavoro di esperti italiani e cinesi, specializzati nelle discipline della viticoltura e dell’enologia, della lessicografia, della traduzione italiano-cinese e della standardizzazione delle trascrizioni, che ha coinvolto i dipartimenti di Scienze della Mediazione linguistica e di Studi interculturali, Scienze per gli alimenti, la nutrizione, l’ambiente e Scienze agrarie e ambientali – Produzione, Territorio, Agroenergia e il Contemporary Asia Research Centre (CARC) dell’Università Statale insieme alll’Università Normale del Liaoning.

Per spiegare la complessità e l’originalità del lavoro, basti pensare che se un consumatore cinese, quando si reca al supermercato per acquistare un vino, può facilmente trovare sugli scaffali bottiglie provenienti da tutto il mondo, nel caso delle etichette italiane può essere difficile, per chi legge soltanto il cinese, essere certi del vino che si sta acquistando, perché le scritte in caratteri cinesi sulle bottiglie si prestano ad ambiguità, come, un esempio per tutti, il caso del Nero d’Avola, dove due bottiglie dello stesso vino possono presentare diverse denominazioni in caratteri cinesi.

Per evitare equivoci, quindi, ogni voce che compone il dizionario è stata definita in italiano attraverso la consultazione di testi settoriali e dei disciplinari di produzione. Il lavoro di traduzione, inoltre, grazie all’uso di fonti cinesi autorevoli e a un originale lavoro di standardizzazione, ha stabilito il termine più adatto a identificare un vino o un vitigno nel rispetto della corretta pronuncia italiana e delle migliori tradizioni culturali cinesi.

 

L'enologo siciliano Pietro Russo terzo Master of Wine Italiano

26-02-2024 | Arte del bere

Pietro Russo, rinomato enologo siciliano, ha ottenuto il prestigioso titolo...

NoviAgri, primi prototipi e app per il controllo delle malattie in vigneto

23-02-2024 | Studi e Ricerche

Il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato ha illustrato...

Vermouth di Torino, consumi in crescita e nuovi “Ambasciatori”

23-02-2024 | Trend

Il Vermouth di Torino, tipica eccellenza del Piemonte, fa sempre...

Mezcal, un ingrediente artigianale nuova star della mixology

22-02-2024 | Trend

Il Mezcal, antica bevanda messicana, vive un momento di rinascita...

Vini dealcolizzati e parzialmente dealcolizzati: le faq della Commissione Ue

21-02-2024 | Normative

Sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea del 15 gennaio 2024 è...

Investimenti 2024-2025: il Masaf proroga le domande

21-02-2024 | Normative

Il Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (Masaf)...

Please publish modules in offcanvas position.