Trend

Arte, architettura, design, interni, consigli culinari, tendenze, moda e comunicazione. Tutto all'insegna del buon gusto.

Il liquore nacque proprio agli inizi del 1900, in una piccola pensione dell’Isola Azzurra, dove la signora Maria Antonia Farace curava un rigoglioso giardino di limoni e arance. Il nipote, nel dopoguerra, aprì un’attività di ristorazione proprio nelle vicinanze della villa di Axel Munte. La specialità di quel bar era proprio il liquore di limoni realizzato con l’antica ricetta della nonna. Nel 1988, il figlio Massimo Canale avviò a sua volta una piccola produzione artigianale di limoncello, registrandone il marchio. Ma in realtà, anche a Sorrento ed a Amalfi, fioccano leggende e racconti sulla produzione del tradizionale liquore giallo. In costiera, ad esempio, la storia narra che le grandi famiglie sorrentine, agli inizi del 1900, non facevano mai mancare agli ospiti illustri un assaggio di limoncello, realizzato secondo la tradizionale ricetta. Ad Amalfi, c’è chi sostiene addirittura che il liquore abbia origini molto antiche, quasi legate alla coltivazione del limone. Tuttavia, come spesso accade in queste circostanze, la verità è nebulosa e le ipotesi sono tante e suggestive. Qualcuno sostiene che il limoncello veniva utilizzato dai pescatori e dai contadini al mattino per combattere il freddo, già ai tempi dell’invasione dei saraceni. Altri, invece, ritengono che la ricetta sia nata all’interno di un convento monastico per deliziare i frati tra una preghiera e un’altra. La verità, forse, non la sapremo mai. Ma al di là di questioni squisitamente campanilistiche, il tradizionale liquore giallo varca da decenni le frontiere, conquistando i mercati di mezzo mondo. Bottiglie di limoncello sono presenti negli scaffali dei market d’oltreoceano, e nuovi importanti scenari commerciali si stanno sviluppando sui mercati asiatici. Il limoncello, dunque, rischia davvero di diventare un prodotto di caratura mondiale alla pari del Bitter o dell’Amaretto. E per difendersi dalle imitazioni, si è corso anche ai ripari, riservando alla produzione del caratteristico «ovale» sorrentino la denominazione di Indicazione geografica protetta (Igp). L’originale limone di Sorrento deve essere prodotto in uno dei comuni del territorio che va da Vico Equense a Massa Lubrense e nell’isola di Capri

Ecco tendenze 2020 per i drink negli Usa (con qualche sorpresa)

24-01-2020 | News

Qualità, innanzi tutto, ma anche attenzione alla sostenibilità e qualche...

Aosta in festa per la 1020ª edizione della "Millenaria"

24-01-2020 | Itinerari

Come da tradizione, la Fiera di Sant’Orso, nota come la...

I liquori italiani fanno squadra al Winter Fancy Food contro i dazi

23-01-2020 | Arte del bere

Gli spiriti italiani hanno animato le giornate del Winter Fancy...

Nasce ProWein Brasile: appuntamento in ottobre a San Paolo

23-01-2020 | Estero

ProWein sbarca in Brasile. E lo farà quest’autunno. ProWein São...

Dall'e-commerce al cocktail bar: il fondatore di Alibaba apre un nuovo locale a Shanghai

23-01-2020 | Arte del bere

Jack Ma, il fondatore del colosso e-commerce cinese Alibaba, ha...

Dazi: Bellanova il 30 incontra il ministro dell'Agricoltura Usa

23-01-2020 | News

"Il 30 incontrerò il Ministro americano dell'Agricoltura e ribadirò con...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection