Studi e Ricerche

Alcuni scienziati della California Central Coast e analisti di laboratorio, assieme a un pool di consulenti agricoli della costa settentrionale, sostengono che le misurazioni dirette di sei biomarcatori associati a odori e sapori di cenere, amaro e affumicato possano essere utilizzate per determinare se il fumo degli incendi ha danneggiato i raccolti sulla vite.

I ricercatori, il cui studio è stato pubblicato sul Journal of Natural Products, hanno studiato 218 campioni di vino e frutta per otto importanti varietà di uva da 21 denominazioni in California e Oregon, compresa la costa settentrionale, dalle annate dal 2017 al 2021.

La ricerca ha anche stabilito i livelli di base pre-incendio per questi composti tra le varietà di uva.

 

All’Accademia dei Georgifili si celebra il centenario di Oiv

23-04-2024 | Arte del bere

Festa a Firenze per i 100 di vita dell'Organizzazione internazionale...

Il labirinto della vite: un viaggio sensoriale nell'enologia e nell'arte

23-04-2024 | Arte del bere

Nel cuore dei comuni di Bassiano, Sezze e Sermoneta, la...

Aumento delle accise sul vino in Russia: come influirà sui prezzi al consumo?

23-04-2024 | Estero

L'aumento delle accise sui prodotti vinicoli in Russia non dovrebbe...

Sughero vs vite: un dibattito sulla sostenibilità delle chiusure nel mondo del vino

23-04-2024 | Studi e Ricerche

L'uso dei sugheri rispetto alle chiusure a vite nel mondo...

Rinviata a luglio 2025 l'entrata in vigore delle nuove normative Eaeu sul vino

23-04-2024 | Normative

L'entrata in vigore delle nuove normative tecniche dell'Unione economica eurasiatica...

Verifood, l’AI in aiuto per tutelare i marchi Dop e Ig

19-04-2024 | Studi e Ricerche

Un sistema di ricerca automatica sul web per scoprire usurpazioni...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.