News

News Vetro

La prima storica visita di un Presidente della Repubblica, un +4,4% di operatori stranieri (da oltre 110 Paesi), e soprattutto, un sentiment di rinnovata, seppur prudente, fiducia per la ripresa, per un bilancio finale più che positivo: emerge dalle parole di organizzatori e produttori di Vinitaly.

E se per il presidente di Verona Fiere, Ettore Riello, il ritorno “della fiducia sul volto degli espositori”, è la soddisfazione più grande, dovuto soprattutto “al lavoro della squadra di Vinitaly per incrementare la presenza di operatori”, per il direttore generale Giovanni Mantovani, è il frutto “dell’impegno di Vinitaly che ha realizzato massicce azioni di marketing diretto sui principali mercati”.
Ma soddisfatti sono soprattutto i produttori: “è stato il Vinitaly della serenità”, dice Sandro Boscaini di Masi Agricola, ma anche per Lamberto Vallarino Gancia, e Andrea Sartori, produttori e presidenti di Federvini e Unione Italiani Vini, “l’ottimismo che si respira rassicura sulla volontà di lasciare alle spalle un periodo difficile”. Giudizio positivo, soprattutto per i contatti con gli operatori stranieri, anche da Francesco Zonin (“ben organizzato Vinitaly, con i buyer concentrati soprattutto nei primi due giorni) e Jacopo Biondi Santi di Castello di Montepò (“è andata benissimo, ne abbiamo incontrati anche di nuovi). Per Francesca Planeta, della griffe siciliana, è stata spazzata via la paura del 2009, e per Lorenzo Biscontin, direttore marketing della veneta Santa Margherita, ci sono stati “parecchi contatti di business senza appuntamento, e ho sentito che anche altre cantine hanno fatto affari”.
“La crisi c’è ancora - spiega il piemontese Alberto Chiarlo - ma il mercato si concentra sui marchi che danno sicurezza, così c’è una dicotomia sempre più accentuata fra cantine che vanno bene e quelle che fanno fatica”. Giudizio positivo anche dalla abruzzese Masciarelli, e per Gianluca Bisol: “qualificata la presenza di importatori, con la firma di accordi di distribuzione per i mercati dell’Est europeo e dell’America Latina”.

fonte: www.winenews.it

 

 

 

Una nuova distilleria a Nashville per Heaven’s Door, il whiskey di Bob Dylan

19-04-2019 | Estero

Heaven’s Door, il marchio di whiskey di Bob Dylan, aprirà...

Il rosé in lattina piace al venture capital Usa: 7 milioni alla startup Bev

17-04-2019 | Trend

Founders Fund, società di venture capital di San Francisco ...

La tequila scala il mercato Usa (e con il mezcal sfida il rum)

17-04-2019 | Estero

Gli Stati Uniti si confermano il maggior mercato al mondo...

Nasce il vino di Leonardo, ispirato alle linee guida del grande genio

17-04-2019 | Trend

Rinasce oggi il 'vino di Leonardo', realizzato secondo le indicazioni...

"Sapere di tappo": il romanzo che racconta l'oggetto più usato al mondo

16-04-2019 | Arte del bere

Sapere di tappo. La vera storia dell’oggetto più usato al...

Fatturato delle aziende italiane vitivinicole a 11,2 miliardi: (+7% che sale a +52% nel decennio)

16-04-2019 | Studi e Ricerche

I fatturati delle aziende italiane produzione di vino e uva...

Federvini

   Via Mentana 2/B, 00185 Roma
+39.06.49.41.630
+39.06.44.69.421
+39.06.49.41.566
redazione@federvini.it
www.federvini.it
   C.F. 01719400580

Condividi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news del portale Federvini.

Seguici

  

© 2019 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.