News

La crisi dell’economia mondiale acuisce le difficoltà in cui versano le Cantine italiane. A dimostrarlo sono i bilanci dei grandi produttori di vino made in Italy che, per la prima volta dopo molti anni, accusano un calo del fatturato pur limitando i danni rispetto ai «cugini» dello Champagne.

La fotografia è dell’ufficio studi di Mediobanca: secondo l’indagine nel 2009 il settore vinicolo italiano ha visto il fatturato scendere del 3,2% (+2% del 2008), ma per quest’anno si attende un andamento in crescita o perlomeno stabile. Mediobanca ha passato in rassegna le prime 99 realtà del settore, con un fatturato di più di 25 milioni. Tra questi spiccano le Cantine riunite e Civ che, insieme al Gruppo italiano vini, di cui detiene il 100%, ha fatturato l’anno scorso 437 milioni ed è sesta al mondo per produzione di bottiglie (165 milioni nel 2008). Il calo dei ricavi è dovuto soprattutto all’export (-4,3%; rispetto al +4,6% nel 2008).

 

La ricerca conferma poi l’emergere della Cina. Dove il gruppo Yantai Changyu, quotato a Shanghai, nel 2008 ha spinto i ricavi del 26% a 363 milioni di euro. Abbastanza per salire al quarto posto della classifica mondiale tra le società quotate del settore. Il vino made in Italy resta invece lontano dalle logiche della Borsa. Questione soprattutto di cultura, oltre che di aziende ancora di impronta cooperativa o familiare. Eppure i risultati del settore sui listini azionari sono invidiabili: dal gennaio 2001 l’indice di Borsa mondiale del mondo vinicolo è cresciuto del 98,9%, contro il risultato di misura (+5%) conseguito nello stesso periodo dai grandi listini internazionali. Il comparto vinicolo in Italia fanno notare gli analisti, avrebbe poi bisogno di una scossa, di iniziare a puntare più sugli investimenti che su altri metodi per affrontare la crisi. Nell’immediato per far fronte allo stallo, i gruppi italiani hanno abbassato i listini per l’export (-11% circa). Una «svalutazione» contro la quale lotta la gran parte delle case di Champagne, che pur attraversa una crisi molto più dura. Per i produttori del più famoso vino del mondo il 2009 è stato nero: le vendite sono scese del 9%, i margini si sono ridotti di oltre il 30% e anche i big delle bollicine francesi hanno accusato forti cali di fatturato. Tra le quotate in Borsa, Boizel Chanoione ha perso il 16% dei ricavi e Laurent Perrier il l 27%. Ma quasi nessuno, almeno ufficialmente, si sogna di abbassare i prezzi.

fonte: www.ilgiornale.it

Barbera d'Asti e Vini del Monferrato: progetto genetico per affrontare le sfide del clima

26-01-2023 | Arte del bere

Il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato è da...

Assovini, riflettori su Messina e le sue Doc

26-01-2023 | Itinerari

Due mari, il Tirreno e lo Ionio, tre Doc, Faro...

Agroalimentare, in crescita Pil, investimenti e consumi

25-01-2023 | Studi e Ricerche

Cresce ancora la performance economica anche nel III trimestre 2022...

Forte crescita per il whisky indiano, aumenta la quota dei single malt

25-01-2023 | Estero

Secondo l'analisi del mercato delle bevande dell'IWSR, il whisky indiano...

In Giappone l’AI trova l’abbinamento perfetto tra sushi e sake

25-01-2023 | Trend

Uno storico produttore di sake a Fukushima, in Giappone, ha...

Alla Camera una risoluzione per contrastare la norma irlandese sulle etichette degli alcolici

25-01-2023 | News

Una risoluzione che impegna il governo ad assumere iniziative a...

© 2023 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.