News

Vittoria definitiva in Europa per il Consorzio di tutela dei vini Bolgheri e Bolgheri Sassicaia a difesa del marchio Bolgheri. Il tribunale dell'Unione Europea, ha fatto sapere l'ente di tutela, "riconosce tutte le ragioni del Consorzio Bolgheri nel caso contro il marchio bulgaro Bolgaré, il cui ricorso viene giudicato definitivamente e manifestamente infondato in quanto il marchio Bolgaré è evocativo della denominazione". 

Dopo sei anni di attesa, commenta il consorzio, "si può fortunatamente scrivere il lieto fine di una vicenda che ha visto minacciate le denominazioni d'origine Bolgheri, in uno scenario che altre Dop italiane hanno vissuto o stanno vivendo".

Nel 2017, si ricostruisce, Domaine Boyar, maggiore azienda vinicola della Bulgaria, fece domanda presso l'ufficio marchi europeo (Euipo) per registrare il marchio Bolgaré nella classe degli alcolici e, con sorpresa, l'opposizione presentata dal Consorzio Bolgheri fu respinta. Poi è stato necessario attendere fino a quando l'Euipo accolse interamente l'appello del Consorzio. Di conseguenza però la controparte bulgara impugnò l'accoglimento di fronte al Tribunale dell'Ue che, dopo circa un anno, si è ora espresso in maniera definitiva e inequivocabile sulla questione. Il tribunale Ue, spiegano da Bolgheri, ha fatto sentenza "senza fissare nemmeno l'udienza, poiché i giudici, leggendo la difesa del Consorzio oltre che la decisione dell'Euipo, hanno ritenuto il ricorso bulgaro manifestamente infondato". Il marchio 'Bolgaré', si legge in sentenza, "è idoneo a evocare, nella mente del pubblico di riferimento, la Dop Bolgheri". Il pubblico, ha ancora osservato il tribunale Ue, di fronte al marchio Bolgaré potrebbe avere "avere in mente l'immagine del prodotto coperto dalla Dop Bolgheri" dato che "tra i due termini sussistono somiglianza fonetica; numero simile di lettere di cui le prime quattro uguali; identità di prodotti; somiglianza figurativa nei caratteri di scrittura". 

L'enologo siciliano Pietro Russo terzo Master of Wine Italiano

26-02-2024 | Arte del bere

Pietro Russo, rinomato enologo siciliano, ha ottenuto il prestigioso titolo...

NoviAgri, primi prototipi e app per il controllo delle malattie in vigneto

23-02-2024 | Studi e Ricerche

Il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato ha illustrato...

Vermouth di Torino, consumi in crescita e nuovi “Ambasciatori”

23-02-2024 | Trend

Il Vermouth di Torino, tipica eccellenza del Piemonte, fa sempre...

Mezcal, un ingrediente artigianale nuova star della mixology

22-02-2024 | Trend

Il Mezcal, antica bevanda messicana, vive un momento di rinascita...

Vini dealcolizzati e parzialmente dealcolizzati: le faq della Commissione Ue

21-02-2024 | Normative

Sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea del 15 gennaio 2024 è...

Investimenti 2024-2025: il Masaf proroga le domande

21-02-2024 | Normative

Il Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (Masaf)...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.