News

Il Green Deal della Commissione Europea ha come obiettivo aumentare la sostenibilità e arrivare a coltivare un quarto dei vigneti europei con la certificazione biologica. 

Il “Business Report”, firmato dall’Università di Geisenheim e presentato durante il lancio della “Prowein 2022” di Dusseldorf, fa emergere quanto il tema della sostenibilità sia importante per il settore vinicolo e già si traduca in misure concrete.

“L’importanza della sostenibilità per il settore vinicolo è dimostrata dall’altissima quota di partecipazione di circa 3.000 esperti internazionali al sondaggio - dichiara Simone Loose, direttrice dell’Istituto del Vino e delle Bevande “Institut für Wein-und Getränkewirtschaft” dell’Università di Geisenheim -. Tutto il settore affronta la sfida di adattarsi ai cambiamenti climatici e divenire allo stesso tempo ecologico e sostenibile nonché sensibilizzare i clienti. Questo sarà possibile solo se l’industria unirà le sue forze e i produttori di vino, i rivenditori e la ristorazione potranno trasmettere in modo credibile la sostenibilità”.

Nell'ultimo ProWein Business Report, all'inizio della pandemia, gli esperti del settore, temevano che le sfide poste dal Covid-19 avrebbero limitato gli sforzi del settore verso la sostenibilità. Fortunatamente questo non è avvenuto. Per il settore vinicolo, rispetto al 2019, la sostenibilità è ancora considerata importante.

La certificazione di sostenibilità non è ancora così diffusa come la viticoltura biologica. Questa pratica è guidata dal Nuovo Mondo e dalla Francia, dove circa la metà dei viticoltori che hanno partecipato all'indagine sono già certificati sostenibili. In Spagna, Italia, Portogallo, Austria e Grecia, il 40-50% degli intervistati sta valutando la futura certificazione sostenibile. Un terzo delle aziende più grandi ha attualmente una certificazione sostenibile o è in fase di certificazione. Nelle piccole cantine la disponibilità è minore. In Germania, dove hanno preso parte all’indagine anche molte piccole imprese, la maggior parte delle aziende non riesce ancora a immaginare una certificazione sostenibile.

Nel commercio del vino e nella ristorazione la consapevolezza dell'importanza di una certificazione sostenibile è stata finora la meno avvertita. Per quanto riguarda la vendita al dettaglio, Svezia e Finlandia, dove oltre il 30% delle aziende è già certificato in modo sostenibile, guidano davanti a Norvegia (27%), Francia (21%) e Austria (16%). In Europa centrale, uno su dieci dei paesi vinicoli e dei ristoratori intervistati è stato certificato in modo sostenibile: Danimarca (11%), Belgio (9%), Paesi Bassi (8%) e Germania (7%).

Esistono già numerose misure concrete per migliorare la sostenibilità della viticoltura

I viticoltori intervistati hanno dichiarato di aver attuato soprattutto misure di sostenibilità ambientale. In totale, due terzi delle aziende vitivinicole intervistate hanno ridotto l’uso di erbicidi (Francia e Austria sono in testa con l’80% davanti alla Spagna con il 74%) e hanno adottato misure attive per accrescere la biodiversità (Stati Uniti 78%, Francia 72%, Germania 61%). Complessivamente, la metà delle aziende agricole ha ridotto l’uso di pesticidi (Nuova Zelanda 100%, Usa 90%, Francia 80%, Spagna 70%) e quasi un terzo ha ridotto l’uso di acqua (Sudafrica 90%, Nuova Zelanda 50%, Portogallo 40%). A causa degli elevati costi di investimento, l’uso della tecnologia digitale per ottimizzare il consumo di acqua, di fertilizzanti ed erbicidi è ancora poco diffuso. I paesi del Nuovo Mondo (Australia 50%, Usa 33% e Sudafrica 33%) guidano qui la classifica davanti ai paesi del Vecchio Mondo (Spagna e Italia 22%, Francia e Portogallo 17%, Germania 11%).

Anche il commercio vinicolo e la ristorazione puntano su misure concrete

Finora i commercianti di vino e i ristoratori hanno concentrato le loro attività soprattutto sul risparmio delle risorse. Tra questi figurano il risparmio di carta, grazie alla digitalizzazione da parte di un’impresa su due, la riduzione dei rifiuti (Norvegia e Portogallo 50%; Finlandia, Svezia e Spagna 45%), la riduzione dell’energia (Svezia 43%, Finlandia 35%, Germania 28%, Belgio 26%), l’ottimizzazione della catena di approvvigionamento per la riduzione delle emissioni di CO2 (Lussemburgo 45%, Norvegia 36%, Svezia 32%) e il passaggio a un fornitore di energia neutrale in termini di CO2 (Svezia 25%, Italia e Belgio 24%, Austria 18%).

Inoltre, i commercianti di vino e la ristorazione svolgono un ruolo molto importante nell'elencare, commercializzare e comunicare i prodotti sostenibili ai consumatori. Finora, una gran parte del settore retail ha dichiarato di commercializzare principalmente vini certificati ecologicamente o sostenibili, come parte del proprio portafoglio, (Svezia 67% dei rivenditori, Francia 60%, Finlandia 57%, Polonia e Lussemburgo 55%, Regno Unito 52%, Italia 47%). Mentre un produttore di vino su quattro afferma di utilizzare imballaggi alternativi per il vino, solo un rivenditore e ristoratore di vino su dieci li ha elencati per la commercializzazione. Ci sono grandi differenze regionali con una chiara leadership dei paesi monopolisti del nord (Svezia 57%, Finlandia 48%, Norvegia 43%, Canada 30%, Regno Unito 24%, Francia 20%, Germania 4%). Poiché la produzione e il trasporto delle bottiglie di vetro sono responsabili da un terzo alla metà delle emissioni di CO2, il maggiore potenziale per sostenere maggiormente i prodotti sostenibili risiede nella responsabilità della vendita al dettaglio.

Necessità di uno standard di sostenibilità uniforme e credibile

L’industria concorda sul fatto che i consumatori non sono in grado di comprendere e differenziare la molteplicità delle certificazioni ecologiche e sostenibili. Otto esperti su dieci del settore chiedono un unico e forte standard di sostenibilità da comunicare insieme ai consumatori.

I requisiti più importanti per i certificatori di sostenibilità è la credibilità, l’indipendenza e il controllo critico delle informazioni presentate durante la certificazione. In secondo luogo, seguono la consulenza e le proposte su come migliorare concretamente la sostenibilità dell’azienda. Secondo i partecipanti al sondaggio, i certificatori dovrebbero anche sostenere la ricerca su misure più sostenibili e creare una rete per lo scambio di idee sulle migliori pratiche tra le imprese.

Per approfondimenti il link al Rapporto.

 

British Airways, acquisti di vino con i punti acquisiti grazie ai voli

29-09-2022 | Estero

British Airways sta lanciando una nuova enoteca online nell'ambito di...

Il Consorzio Chianti Rufina rinnova presidenza e consiglio direttivo

29-09-2022 | Arte del bere

L'8 settembre si è tenuta l’Assemblea plenaria del Consorzio Chianti...

Nutriscore: nuovo studio analizza le carenze dell’algoritmo

29-09-2022 | Studi e Ricerche

Il sistema Nutriscore, un’etichetta alimentare che assegna punteggi nutrizionali ai...

Gite fuori porta sulla montagna lombarda

29-09-2022 | Itinerari

La montagna lombarda con l’arrivo della primavera offre la possibilità...

Modificato il disciplinare, nasce la Doc Rimini

28-09-2022 | Normative

Nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea del 27 settembre 2022 è stato pubblicato...

Un whisky speciale per i 60 anni di 007

27-09-2022 | Arte del bere

Un whisky speciale per i 60 anni di 007. Una...

© 2022 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.