News

Nella Gazzetta Ufficiale è stata pubblicata la legge di conversione del c.d. DL Milleproroghe, l’annuale provvedimento con il quale il Governo posticipa l’entrata in vigore o la scadenza di alcune previsioni normative al fine di garantire la continuità dell’azione amministrativa.

In particolare i termini di applicazione degli obblighi in materia di etichettatura ambientale degli imballaggi sono stati ulteriormente prorogati a fine anno.

Più precisamente, l’art. 11, comma 1 del provvedimento ha sospeso fino al 31 dicembre 2022 l’applicazione dell’articolo 219, comma 5, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 in materia di etichettatura ambientale degli imballaggi. Analogamente, slitta alla medesima data anche il termine cui far decorrere la clausola di esaurimento delle scorte.

L'obbligo è stato notificato dal nostro Paese alla Commissione europea nel quadro della c.d. procedura TRIS: ciò significa che, al netto degli eventuali rilievi che i servizi della Commissione potranno fare sul provvedimento italiano, anche sulla base delle osservazioni che potranno pervenire da parte di altri Stati membri UE, la procedura affinché l’obbligo sia riconosciuto e quindi valido anche per i produttori esteri è stata avviata.

In altre parole, un primo passo per agevolare le relazioni con i nostri partner esteri con riferimento ai prodotti importati nel nostro Paese è stato compiuto. Al momento, secondo le norme tipiche della procedura TRIS, i servizi della Commissione e gli altri Paesi membri UE hanno tempo fino al 19 aprile 2022 per presentare osservazioni sul provvedimento italiano: decorso tale termine, in assenza di note da parte della Commissione, l’obbligo si considera valido anche per i produttori esteri.

Nell’articolo unico del provvedimento sono contenute queste disposizioni:

  • Proroga dell’obbligo di etichettatura ambientale:  si proroga l’introduzione dell’obbligo di etichettatura ambientale degli imballaggi, secondo le modalità stabilite dall’Unione europea, fino al 31 dicembre 2022, conseguentemente i prodotti privi dei requisiti prescritti e già immessi in commercio o etichettati al 1° gennaio 2023 possono essere commercializzati fino ad esaurimento delle scorte. Inoltre, si prevede che le linee guida tecniche per l’etichettatura ambientale degli imballaggi siano adottate con Decreto non regolamentare del Ministro della Transizione ecologica entro 90 giorni, anziché trenta, dalla data di entrata in vigore della relativa disposizione. Infine, il termine per l’erogazione delle risorse del fondo per la transizione energetica nel settore industriale è stabilito, con esclusivo riferimento ai costi sostenuti tra il 1° gennaio 2020 e il 31 dicembre 2020, alla data del 30 giugno 2022, anziché a quella del 31 marzo 2022.
  • Incentivi alla produzione di biogas: si prevede che al fine di dare continuità agli investimenti per la realizzazione di impianti di produzione di energia elettrica alimentati a biogas e di favorire lo sviluppo dell’economia circolare in ambito agricolo gli incentivi vengono prorogati, senza nuovi oneri per la finanza pubblica, per gli anni 2021 e 2022.

 

Scarica il testo della Legge 25 febbraio 2022.

Testo coordinato: Link

 

 

 

Al via il Festival della Dieta Mediterranea, pratica virtuosa e “miglior risposta al Nutriscore”

20-05-2022 | News

Prende il via il Festival nazionale della Dieta Mediterranea, con una...

Mariacristina Castelletta nuovo presidente del Consorzio Alta Langa

19-05-2022 | Arte del bere

Cambio della guardia ai vertici del Consorzio Alta Langa: il...

Week end in rosa sul lago di Garda

19-05-2022 | Itinerari

Ritorna anche quest’anno l’atteso appuntamento con Chiaretto di Bardolino in Cantina:...

Bordeaux 2021 en primeur: previsto un calo della domanda

18-05-2022 | Arte del bere

Secondo Liv-ex oltre il 71% dei commercianti internazionali ha dichiarato...

Usa, i Millennials apprezzano sempre di più il vino a basso contenuto di alcol

17-05-2022 | Trend

Il valore della categoria del vino a basso contenuto alcolico...

Colpire il vino nelle ritorsioni commerciali, una perdita di 340 milioni di dollari all'anno

17-05-2022 | News

Nell'articolo "Vino: il sacco da boxe nella rappresaglia commerciale" pubblicato...

© 2022 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.