News

2 novembre 2010

“No all’uso di droghe, no all’ abuso di alcol. Senza se e senza ma, e soprattutto senza classifiche, più o meno attendibili. In queste poche parole concentrerei lo sconcerto che ho provato leggendo la sintesi dello studio del professor Nutt pubblicata oggi sulla maggior parte dei quotidiani”. È quanto afferma Lamberto Vallarino Gancia, presidente di Federvini, la Federazione italiana industriali produttori importatori ed esportatori di vini acquaviti liquori sciroppi ed affini, in merito ai numerosi articoli pubblicati oggi sulla stampa nazionale relativi allo studio pubblicato sulla rivisita scientifica Lancet in cui si afferma che bere alcolici è socialmente più dannoso che prendere eroina, cocaina o altre droghe.

“Non da oggi infatti – prosegue il numero uno dei produttori di alcolici italiani – il settore è impegnato a diffondere messaggi forti in tema di lotta a tutti gli abusi ed a tutti gli usi scorretti dei nostri prodotti, e leggere che ancora si discute se sia meglio brindare tra amici, o celebrare la nostra tradizione e la nostra cultura enogastronomica che tutto il mondo ci invidia,oppure assumere sostanze illegali, francamente fa cadere le braccia, se non fosse che ogni persona di buon senso non ha dubbi sulla risposta corretta.”

“Tanto premesso, ritengo Le conclusioni dello studio effettuato dal professor David Nutt,che  equipara il consumo di alcol all’assunzione di droghe sono sbagliate e inaccettabili, soprattutto per gli effetti “sociali” a cui farebbe riferimento l’indagine”, ed alle perverse conseguenze che ne potrebbero derivare nella percezione dei consumatori, soprattutto dei più giovani. Al di là di ogni polemica, è infatti del tutto fuorviante, e molto pericoloso, assimilare il consumo di bevande alcoliche con l’assunzione di stupefacenti tanto sotto tutti i punti di vista. Inoltre, una tale posizione, che fortunatamente rappresenta una visione molto minoritaria all’interno della comunità scientifica, non tiene in alcun conto la stragrande maggioranza dei consumatori, che consuma bevande alcoliche in modo socialmente corretto, moderato e responsabile, ma solo una piccola minoranza che ne abusa.

Peraltro, il Professor Nutt non sembra nuovo a tali operazioni. Lo scorso anno infatti l’Autore dello Studio  fu costretto a lasciare il suo ruolo di capo dei consiglieri governativi britannici per affermazioni dello stesso tipo sulla marijuana, e dopo avere criticato il governo per  non aver seguito le sue indicazioni.

Attendibilità a parte quindi, lo studio non considera la tradizione millenaria rappresentata da coloro che bevono moderatamente e ai pasti; una cultura salutare i cui effetti positivi sono stati più volte confermati da innumerevoli studi scientifici”.

“La stessa Organizzazione mondiale della sanità (Oms) – prosegue Vallarino Gancia – ha adottato recentemente una Risoluzione in cui si sottolinea  che il problema non è l’alcol in sé, ma il suo abuso, ovvero uso scorretto. In questo contesto ancor più spicca l’abnormità di uno studio che arriverebbe a giustificare, se non consigliare ai consumatori ed alla  Società nel suo complesso la sostituzione del consumo di bevande alcoliche con l’assunzione di eroina, cocaina e  altre droghe.” In quanto “più salutare” o “meno dannoso”.

 

Barolo e Amarone i più conosciuti dai cinesi ma il primato della popolarità va alla Ferrari

18-09-2018 | Estero

Il marchio italiano più conosciuto dai cinesi? Resta la Ferrari...

Vini Doc Sicilia a quota 50 milioni di bottiglie

18-09-2018 | Trend

I 50 milioni di bottiglie prodotte da gennaio a luglio...

“No Italy, no Cocktail”: i bartender americani alla scoperta della tradizione italiana

17-09-2018 | News

Nel 2018, l’Agenzia ICE – Istituto per il Commercio Estero...

Centinaio: accordo con Alibaba per vendere ai cinesi il vero made in Italy

15-09-2018 | News

Un accordo con il gigante dell'ecommerce Alibaba per dedicare una...

I Supertuscan come una Bamboo di Gucci? "Vino pret-à-porter", trucchi e consigli per tutte le wine lover

14-09-2018 | Arte del bere

Esce  in libreria  per Rizzoli Illustrati "Vino pret-à-porter" di Francesca Negri...

Tailandia: slitta a marzo 2019 l’entrata in vigore del nuovo certificato di analisi

14-09-2018 | Normative

La Tailandia richiede un nuovo certificato di analisi che deve...

© 2018 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori, Esportatori ed Importatori di Vini, Vini Spumanti, Aperitivi, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed Affini

Please publish modules in offcanvas position.