News

L'industria degli spiriti a una voce sola chiede a Stati Uniti e Unione europea di porre fine urgentemente alle controversie commerciali al fine di non compromettere ulteriormente l'occupazione nel settore. 

Dimostrando un'inusuale compattezza transatlantica, 17 associazioni che rappresentano il settore in Usa ed Europa oggi hanno presentato il loro punto di vista all'USTR (United States Trade Representative) in opposizione alla proposta del governo degli Stati Uniti di imporre tariffe sugli alcolici distillati, vino e birra importati da Unione europea e Regno Unito.

Le organizzazioni hanno inviato commenti individuali da SpiritsEUROPE, dalla Scotch Whisky Association e da associazioni statunitensi di produttori di alcolici.

“Le nostre 17 associazioni statunitensi, europee e britanniche sono unite in forte opposizione alle tariffe su vini e spiriti. Stiamo parlando con una sola voce nel chiedere all'amministrazione americana e alla Commissione europea di rimuovere le attuali tariffe sugli alcolici e sul vino dall'UE e dal Regno Unito e dai whisky americani e di rinunciare all'imposizione di eventuali tariffe aggiuntive sui prodotti alcolici. Speriamo che l'annuncio di Airbus di venerdì e la legislazione approvata nello Stato di Washington a marzo in merito ai sussidi all'aviazione civile siano passi significativi verso l'eliminazione delle tariffe ", ha affermato il gruppo di associazioni statunitensi, europee e britanniche.

“I settori delle bevande alcoliche su entrambe le sponde dell'Atlantico hanno sofferto abbastanza. Questi dazi stanno esacerbando le difficoltà incontrate dalle aziende dell'ospitalità dopo le chiusure diffuse di bar e ristoranti a causa del COVID-19. Gli Stati Uniti e l'UE devono cercare misure per sostenere i posti di lavoro nel settore dell'ospitalità, non caricare le imprese con tariffe inutili".

Secondo la proposta di USTR, gli Usa possono imporre dazi fino al 100% su Scotch Whisky, Irish Whisky, altri Whisky e Grape Brandy in arrivo da tutti i membri dell'UE; vodka, gin e birra da Regno Unito, Germania, Francia e Spagna; liquori e cordiali da tutti gli altri membri dell'UE che attualmente nonsono sottoposti a dazio; alcuni vini di tutti i membri dell'UE e del Regno Unito.

Secondo un'analisi del Distilled Spirits Council degli Stati Uniti (DISCUS), i dazi statunitensi possono portare a una perdita da 13.700 a 95.900 posti di lavoro negli Stati Uniti, a seconda dell'aumento percentuale delle tariffe .

Le associazioni hanno sottolineato che i dazi di ritorsione sugli alcolici e il vino negli Stati Uniti, nell'UE e nel Regno Unito stanno avendo un significativo impatto negativo su entrambe le sponde dell'Atlantico.

Dal 18 ottobre 2019, gli Stati Uniti hanno imposto dazi del 25% sulle importazioni di Whisky scozzese Single Malt; Whisky irlandese Single Malt dall'Irlanda del Nord, liquori e cordial da Germania, Irlanda, Italia, Spagna e Regno Unito e alcuni vini di Francia, Germania, Spagna e Regno Unito.

Secondo gli ultimi dati disponibili:
- le importazioni statunitensi di Scotch Whisky sono diminuite di quasi il 33% tra ottobre 2019 e maggio 2020 ($ 723 milioni) rispetto a ottobre 2018-maggio 2019 ($ 1,01 miliardi)

- le importazioni statunitensi di liquori e cordialini da Germania, Irlanda, Italia, Spagna e Regno Unito sono diminuite di circa il 23% tra ottobre 2019-maggio 2020 ($ 288 milioni) rispetto a ottobre 2018-maggio 2019 ($ 372 milioni).

- le importazioni statunitensi di alcuni vini da Francia, Germania, Spagna e Regno Unito sono diminuite di circa il 44% tra ottobre 2019-maggio 2020 ($ 587 milioni) rispetto a ottobre 2018-maggio 2019 ($ 1,04 miliardi).

La UE a sua volta ha imposto un dazio di ritorsione del 25% su tutte le importazioni di whisky statunitensi dal 22 giugno 2018. Secondo un'analisi DISCUS, le esportazioni di whisky americano verso l'UE sono crollate del 33% con una perdita di $ 300 milioni dall'entrata in vigore del nuovo dazio. L'UE ha dichiarato che potrebbe imporre tariffe di ritorsione in autunno su rum, vodka, brandy e vino statunitensi nel suo caso parallelo presso l'Organizzazione mondiale del commercio riguardante il Boeing. Inoltre, l'UE dovrebbe aumentare il dazio sul whisky americano al 50% nella primavera del 2021. Chiediamo ad entrambe le parti di ridurre le controversie e di ritornare all'accordo zero-per-zero del 1994 su entrambe le sponde dell'Atlantico, che è stato determinante per il nostro successo e la creazione di posti di lavoro negli Stati Uniti, nell'UE e nel Regno Unito.

Il comunicato porta la frma di: Distilled Spirits Council of the United States, spiritsEUROPE, Scotch Whisky Association, American Beverage Licensees, National Retail Federation, American Craft Spirits Association, American Distilled Spirits Alliance, National Council of Chain Restaurants , Kentucky Distillers 'Association, National Association of Beverage Imports, National Restaurant Association, US Wine & Trade Alliance, WineAmerica, Wine Institute, Wine and Spirits Shippers Association, Wines & Spirits Wholesalers of America, Wine Institute e the National Association of Wine Retailers .

 

Usa: nuovo metodo per rilevare danni dal fumo degli incendi sulle viti

17-05-2022 | Studi e Ricerche

Alcuni scienziati della California Central Coast e analisti di laboratorio...

La Cina inaugura a Chengdu l'International Alcohol Producer Alliance

17-05-2022 | Trend

L'11 maggio 2022 a Chengdu, capoluogo della provincia del Sichuan...

Nuovo comandante dei carabinieri per la tutela agroalimentare

17-05-2022 | News

Cambio al vertice dei carabinieri per la tutela agroalimentare: oggi...

“The Spiritheque – Behind the stories Beyond the spirits”, in mostra 5 marchi iconici

17-05-2022 | Arte del bere

Fino al 31 maggio sarà possibile visitare l'esposizione “The Spiritheque...

Previsioni economiche Ue: rallenta il Pil (2,7%), cresce l’inflazione (6,1%)

17-05-2022 | News

Ieri la Commissione europea ha pubblicato le previsioni economiche di...

Fondo Investimenti imprese agricole: chiarimenti sulle domande

17-05-2022 | Normative

È stato pubblicato un nuovo Decreto del Ministero dello Sviluppo...

© 2022 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.