News

Venerdì, 13 Maggio 2011

Federalimentare: task force in Canada contro contraffazioni

di

Un progetto pilota per promuovere il Made in Italy alimentare e contrastare i fenomeni di contraffazione e di imitazione diffusi in Nord America. Con questi intenti, in occasione del Sial di Toronto, Federalimentare insieme al ministero dello Sviluppo Economico, all'Ice, all'Unioncamere e al ministero degli Affari Esteri hanno avviato un'apposita task force in Canada. "Degli oltre 21 miliardi di euro esportati dal nostro Paese, il Canada rappresenta un mercato molto interessante per la nostra industria alimentare, il nono in graduatoria con un'esportazione nel 2010 di ben 544 ml di euro, con un incremento rispetto al 2009 di ben il 25,8%, nonostante le molte difficolta' che continuiamo ad incontrare", spiega il capo delegazione, vice presidente, Annibale Pancrazio. L'Italia in particolare esporta vini, aceti, olii d'oliva, conserve vegetali e di frutta, paste, dolci confetteria e caffe', carni trasformate, prosciutti ed insaccati, formaggi e acque minerali. Dal Canada importa molti prodotti primari e in particolare cereali e carne, mentre importiamo pochissimi prodotti trasformati (solo 38 milioni di euro), principalmente olii e grassi. "La bilancia commerciale cosi' positiva - ben 506 milioni di euro - e i tassi di crescita a due cifre ci rendono ottimisti per il futuro, pur consapevoli dei limiti ancora da superare", sottolinea Pancrazio. Per Paolo Zanetti, vice presidente dei Giovani di Federalimentare, membro di Assolatte e contitolare della Zanetti, dal Canada lamenta che "Non solo esiste ancora il problema dell'auspicabile riconoscimento delle Dop e degli strumenti legali per la tutela delle stesse, ma il mercato dei formaggi in Canada (per noi quasi 40 milioni di euro) e' uno dei piu' protetti al mondo, con delle quote e licenze di importazione, ferme da quasi 40 anni, esattamente dal 1975. Bisognerebbe abolirle o quantomeno incrementarle sensibilmente per andare incontro all'elevata domanda di prodotti lattiero-caseari italiani". (AGI) (AGI) - Roma, 13 mag. - Infatti le negoziazioni del Canada con l'Unione Europea, avviate nell'ottobre del 2009, non hanno ancora consentito di proteggere le nostre denominazioni e di liberalizzare i settori sotto licenza ed in particolare il lattiero caseario e le carni lavorate. Per quanto riguarda il vino, le cui esportazioni verso il Canada sono pari circa a meta' del'export totale dall'Italia (258 milioni di euro nel 2010) il presidente di Federvini Lamberto Vallarino Gancia rileva "che in Canada sopravvive il monopolio della vendita e distribuzione di vini ed alcoolici. Il Liquor Tax Control Board seleziona i prodotti vitivinicoli con criteri assolutamente soggettivi.

Continua a leggere su: www.agi.it

Acque e vini sui Colli Euganei

25-05-2018 | Itinerari

I Colli Euganei sono un vero e proprio patrimonio naturale e storico...

Nomisma: il vino italiano cresce, ma in alcuni mercati è ancora troppo fragile

24-05-2018 | News

Tra incognita Brexit, boom del Rosé negli Stati Uniti, rallentamento...

Droni, bottiglie edibili o vending machine, cosa c'è nel futuro del vino?

23-05-2018 | Trend

I futuri amanti del vino potrebbero essere in grado di...

Ue avvia negoziati commerciali con Australia e Nuova Zelanda

23-05-2018 | Normative

 Il Consiglio europeo ha autorizzato la Commissione ad avviare negoziati...

Anche per spiriti e aceti la sfida della dimensione

23-05-2018 | News

Il valore aggiunto è stato il tema principale dell’annuale Assemblea 2018...

Diversificare, snellire, attivare una filiera allargata: i nodi del vino 4.0

23-05-2018 | News

Non adagiarsi sui risultati raggiunti. Anche se l'export continua a...

© 2018 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori, Esportatori ed Importatori di Vini, Vini Spumanti, Aperitivi, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed Affini

Please publish modules in offcanvas position.