Itinerari

Federvini consiglia i posti da visitare e gli itinerari da seguire per apprezzare ogni sfumatura dello stile di vita mediterraneo.

La via del Rosso Conero è una chiave di lettura del territorio del Conero e dei suoi caratteri. La strada attraversa Ancona, capoluogo delle Marche, e tocca varie località quali Osimo, ricca di antiche testimonianze, quali le tredici statue romane conservate nel palazzo municipale,

 

La via del Rosso Conero è una chiave di lettura del territorio del Conero e dei suoi caratteri. La strada attraversa Ancona, capoluogo delle Marche, e tocca varie località quali Osimo, ricca di antiche testimonianze, quali le tredici statue romane conservate nel palazzo municipale, il duomo e il santuario dedicato a San Giuseppe da Copertino; l'itinerario si snoda fin a Sirolo e Numana, pittoresche località della Riviera del Conero, superando Camerano, con le sue grotte ricche di fascino, e termina a Loreto, sede del più grande santuario mariano d'Italia, visitato da milioni di pellegrini provenienti da tutto il mondo.
La strada del Rosso Conero è in gran parte compresa nel territorio del Parco regionale del Conero, che copre una superficie di 5.800 ettari di terra, tra ginestre, corbezzoli e dolci colline.

Dalle Grotte di Frasassi, splendido complesso ipogeo in località San Vittore di Genga, parte la via del Verdicchio di Matelica, che attraversa i comuni di Camerino, sede di un'antica e prestigiosa università ubicata presso il palazzo ducale dei Da Varano, Castelraimondo, caposaldo militare del ducato di Camerino, Cerreto d'Esi, piccolo centro agricolo, Esanatoglia, cinto da mura castellane, Fabriano, famoso per la produzione della carta e della filigrana, Genga, che custodisce, tra gli altri, un tempietto a forma ottagonale, progettato dal Valadier e posto all'imboccatura di una roccia, Gagliole, a ridosso del preppennino, e Matelica, sede del museo Piersanti, con dipinti, arazzi, ceramiche, argenterie e numerosi mobili del '400 e '500.

La via del Rosso Piceno Superiore parte da Offida, che conserva la maestosa abbazia di Santa Maria della Rocca, e attraversa un territirio geograficamente ristretto che tocca Acquaviva Picena, dominata dall'imponente fortezza, e arriva fino a San Benedetto del Tronto, centro peschereccio fra i maggiori del Mediterraneo, che vanta un lungomare impreziosito da palmizi e oleandri.

 

leggi anche su: www.turismo.marche.it

Ue ribadisce: divieto di trasformare in vino uve di Paesi Terzi e obbligo di provenienza in etichetta

21-01-2019 | News

Lo scorso 18 novembre l'on. Mara Bizzotto aveva presentato un'interrogazione...

Vulture d'acqua e di vino

18-01-2019 | Itinerari

La Basilicata è terra generosa in fatto di vini e...

In ricordo di Gerard Basset, uomo gentile del vino

17-01-2019 | News

Si è spento Gerard Basset, Master of Wine, Master Sommelier...

La produzione di vino accelera: +1% nei primi undici mesi (contro lo 0,7% del 2017)

17-01-2019 | Studi e Ricerche

Le tendenze congiunturali dei primi 11 mesi del 2018 rivelano...

“Venduti ai minori”: Federvini fa il punto su ragazzi e alcol

17-01-2019 | News

E’ stata presentata presso il Senato della Repubblica, Sala Zuccari...

Doc Sicilia: dal 1 gennaio 2021 il contrassegno di Stato sulle bottiglie

16-01-2019 | News

I vini della Doc Sicilia, dal 1 gennaio 2021, saranno...

Federvini

   Via Mentana 2/B, 00185 Roma
+39.06.49.41.630
+39.06.44.69.421
+39.06.49.41.566
redazione@federvini.it
www.federvini.it
   C.F. 01719400580

Condividi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news del portale Federvini.

Seguici

  

© 2019 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.