Dall'estero

I consumatori di vino del Regno Unito dovranno pagare 68 centesimi in più di tasse per ogni bottiglia acquistata se il governo aumenterà l'imposta in linea con l'inflazione. Il Cancelliere Jeremy Hunt sta preparando la dichiarazione delle previsioni d'autunno che verranno presentate il 22 novembre e l’industria britannica del vino teme il peggio.

Come ricorda il sito Decanter nello scorso agosto il governo ha rivisto il sistema di accise del Regno Unito e introdotto il più grande aumento dell'imposta sugli alcolici in quasi 50 anni.

Miles Beale, amministratore delegato della Wine & Spirit Trade Association (WSTA), ha avvertito che la riforma costerà ai consumatori di vino 500 milioni di sterline all'anno in tasse e IVA aggiuntive. L'ha definita un "colpo storico" che potrebbe "paralizzare" le aziende vinicole e alimentare ulteriormente l'attuale crisi del costo della vita. Il Cancelliere si appresta ora a seguire la riforma con un altro aumento punitivo delle tasse, in occasione della “dichiarazione d'autunno”.

Il congelamento generalizzato dell'imposta sugli alcolici è terminato il 1° agosto, quindi i prelievi aumenteranno in linea con l'indice dei prezzi al dettaglio, attualmente pari all'8,9%.

Se combinato con gli aumenti annunciati ad agosto, ciò si tradurrà in un aumento delle accise di 68 pence per una bottiglia media di vino, di 1,50 sterline per una bottiglia di alcolici e di 1,67 sterline per una bottiglia di Porto. Il prezzo medio di una bottiglia di vino rosso è già salito a 7,72 sterline nel Regno Unito, secondo gli ultimi dati dell'Office for National Statistics (ONS).

I prezzi sono aumentati in seguito all'incremento dei costi della catena di approvvigionamento, come i salari, le materie prime, l'energia e il trasporto. C'è stato anche un "enorme aumento" delle tasse di riciclaggio che i produttori di vetro devono pagare. “Chiediamo un congelamento per evitare aumenti dei prezzi che mandano in tilt il bilancio - ha dichiarato Beale -. Le aziende del vino e delle bevande spiritose hanno bisogno di un po' di respiro per rimanere a galla nell'attuale clima economico, che continua a combinare una crescita letargica con un'inflazione persistentemente alta".

 

Anche i prezzi degli alcolici sono aumentati in modo significativo nell'ultimo anno. Secondo l'ONS, la bottiglia media di gin è aumentata del 10,1%, raggiungendo le 17,01 sterline, mentre la bottiglia media di vodka è aumentata del 14%, raggiungendo le 16,80 sterline.

 

Se il previsto aumento dell'accisa in linea con l'inflazione andrà avanti, il prezzo della bottiglia media di gin supererà per la prima volta le 18 sterline.

 

Per il centenario Oiv lancia un concorso fotografico sul cambiamento climatico

24-05-2024 | News

Nell’ambito del Centenario dell’OIV e dell’Anno internazionale della vigna e...

Cina, la lenta avanzata dei wine bar

24-05-2024 | Trend

Continua la crescita dei bar in Cina. La “Guida ai...

Scoperte in una cantina austriaca ossa di mammut di 40mila anni fa

24-05-2024 | Trend

Un viticoltore austriaco ha fatto una scoperta spettacolare durante i...

Centenario per Martinotti, il padre della spumantizzazione italiana

24-05-2024 | Arte del bere

Sono in molti a ritenere che Federico Martinotti non abbia...

Emanuele Orsini eletto nuovo Presidente di Confindustria

24-05-2024 | News

L'imprenditore emiliano Emanuele Orsini, attivo nei settori dell'edilizia in legno...

Prezzi delle bevande alcoliche in Canada: la risposta del board dell’Ontario ai produttori

22-05-2024 | News

La Lcbo (Liquor Control Board of Ontario) ha preso atto...

Please publish modules in offcanvas position.