Studi e Ricerche

Anche se il Tempranillo ha avuto uno exploit, complessivamente le varietà di origine francese rimangono dominanti nei vigneti del mondo. Nel 2000, le varietà francesi e spagnole rappresentavano quasi i tre quinti della superficie vitata del mondo. Tra il 2000 e il 2016, le piantagioni di varietà di origine francese sono aumentate dal 29% al 39%, mentre le varietà spagnole sono diminuite dal 29% al 21%. Le varietà italiane hanno continuato a costituire il 2% degli impianti.  I dati emergono da Where Winegrape Varieties are Growwn Where, di cui la nuova edizione dovrebbe essere pubblicata la prossima settimana. Il volume include nuovi dati del 2016 per produrre una panoramica aggiornata delle coltivazioni di uva da vino nel mondo. È nteressante notare che il Tempranillo a bacca rossa spagnola è la varietà più espansa dal 2000. Gli autori Anderson e Nelgen affermano che a differenza del Syrah, che è al terzo posto, ciò non è dovuto all'"internazionalizzazione" di Tempranillo, ma piuttosto al fatto che ha sostituito l'Airén come varietà più coltivata della Spagna. L'80% delle coltivazioni di Tempranillo rimane nella sua madrepatria, dove tra il 2000 e il 2016 gli impianti sono cresciuti di 114.000 ettari mentre Airén è diminuito di 184.000 ettari.

Maggiori crescite negli impianti internazionali (2000-2016)

Tempranillo (93.370ha - 219.379ha) + 126.009ha

Cabernet Sauvignon (223.074ha - 310.671ha) + 87.597ha

Syrah (102.490ha - 181.185ha) + 78.695ha

Sauvignon Blanc (65.190ha - 124.700ha) + 59.510ha

Chardonnay (145.543ha - 201.649ha) + 56.106ha

Merlot (213.368ha - 266.440ha) + 53.072ha

Pinot Nero (68.810ha - 105.480ha) + 36.670ha

Pinot Grigio (18.893ha - 48.570ha) + 29.677ha

Maggiori contrazioni negli impianti internazionali (2000-2016)

Airén (387.978ha - 203.801ha) -184.177ha

Mazuelo (127.692ha - 47.312ha) -80.380ha

Graševina (92.306ha - 24.384ha) -67.922ha

Garnacha Tinta (216.349ha - 150.096ha) -66.253ha

Bobal (100.128ha - 59.189ha) -40.939ha

Monastrell (76.304ha - 51.930ha) -24.374ha

Catarratto Bianco (50.711ha - 28.613ha) -22.098ha

Cayetana Blanca (55.776ha - 36.401ha) -19.375ha

L'enologo siciliano Pietro Russo terzo Master of Wine Italiano

26-02-2024 | Arte del bere

Pietro Russo, rinomato enologo siciliano, ha ottenuto il prestigioso titolo...

NoviAgri, primi prototipi e app per il controllo delle malattie in vigneto

23-02-2024 | Studi e Ricerche

Il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato ha illustrato...

Vermouth di Torino, consumi in crescita e nuovi “Ambasciatori”

23-02-2024 | Trend

Il Vermouth di Torino, tipica eccellenza del Piemonte, fa sempre...

Mezcal, un ingrediente artigianale nuova star della mixology

22-02-2024 | Trend

Il Mezcal, antica bevanda messicana, vive un momento di rinascita...

Vini dealcolizzati e parzialmente dealcolizzati: le faq della Commissione Ue

21-02-2024 | Normative

Sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea del 15 gennaio 2024 è...

Investimenti 2024-2025: il Masaf proroga le domande

21-02-2024 | Normative

Il Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (Masaf)...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.