News

Meglio Cina o Stati Uniti? Le misure neoprotezionistiche di Trump non si fanno ancora sentire sul vino e gli Usa si confermano il primo cliente per gli acquisti di vino nel 2018, , con una crescita del 18% dei consumi di vino Made in Italy, seguiti dalla Germania dove l’aumento è del 12%, e dal Regno Unito. Ma ottimi risultati si registrano anche in Francia (+14%), dove gli acquisti di vino italiano sono peraltro praticamente raddoppiati nel giro degli ultimi 10 anni, nonché sul mercato cinese (+16%) e su quello russo (+9%), nonostante le sanzioni continuino a penalizzare gravemente l’agroalimentare tricolore. Ma ottimi risultati si registrano anche in mercati inaspettati e lontani dalle solite rotte.

 

Pallini: dopo lo stop ai dazi l'export di aperitivi, liquori e amari può tornare a crescere. Ora più promozione

17-06-2021 | News

Federvini accoglie con grande soddisfazione l’accordo raggiunto dopo gli intensi...

Cantina Italia, 53,6 milioni di ettolitri di vini e mosti in giacenza al 31 maggio 2021

17-06-2021 | Studi e Ricerche

La rilevazione di maggio di Cantina Italia registra una giacenza...

Lacrima di Morro d’Alba verso la modifica del disciplinare di produzione

17-06-2021 | Normative

Nella Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana del 14 giugno 2021...

Il territorio in etichetta: al via il progetto Uga del Chianti Classico

16-06-2021 | News

I Soci del Consorzio Vino Chianti Classico approvano a larghissima maggioranza...

Vinitaly: gli appuntamenti di giugno per la ripartenza

15-06-2021 | Arte del bere

Vinitaly Special Edition è una manifestazione in presenza e in...

Sull'app di Winelivery arrivano le gite nelle cantine più iconiche di tutta Italia

15-06-2021 | Itinerari

Su richiesta della sua grande Community, Winelivery, il noto servizio...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.