News

Meglio Cina o Stati Uniti? Le misure neoprotezionistiche di Trump non si fanno ancora sentire sul vino e gli Usa si confermano il primo cliente per gli acquisti di vino nel 2018, , con una crescita del 18% dei consumi di vino Made in Italy, seguiti dalla Germania dove l’aumento è del 12%, e dal Regno Unito. Ma ottimi risultati si registrano anche in Francia (+14%), dove gli acquisti di vino italiano sono peraltro praticamente raddoppiati nel giro degli ultimi 10 anni, nonché sul mercato cinese (+16%) e su quello russo (+9%), nonostante le sanzioni continuino a penalizzare gravemente l’agroalimentare tricolore. Ma ottimi risultati si registrano anche in mercati inaspettati e lontani dalle solite rotte.

 

Cantina Italia, 48,7 milioni di ettolitri in giacenza, in calo del 1,7%

01-06-2020 | Studi e Ricerche

Alla data del 28 maggio 2020 negli stabilimenti enologici italiani...

Bellanova: un tavolo interministeriale a sostegno della ristorazione

01-06-2020 | News

Un tavolo tecnico interministeriale per il settore della ristorazione. È...

Marilisa Allegrini nominata Cavaliere del Lavoro

01-06-2020 | Arte del bere

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha nominato 25 nuovi...

Nasce Crowdwine, piattaforma di raccolta fondi a supporto delle aziende vitivinicole italiane

31-05-2020 | News

CrowdWine è la prima piattaforma di crowdfunding dedicata al mondo del...

"Sommelier at home" arriva in Campania

31-05-2020 | Arte del bere

Prosegue il calendario di appuntamenti #SommelierAtHome di Aspi – Associazione Sommellerie Professionale...

Ceev scrive al Parlamento europeo: servono misure urgenti per il vino

31-05-2020 | News

Con una lettera al Commissario Wojciechowski e ai deputati del...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection