News

Meglio Cina o Stati Uniti? Le misure neoprotezionistiche di Trump non si fanno ancora sentire sul vino e gli Usa si confermano il primo cliente per gli acquisti di vino nel 2018, , con una crescita del 18% dei consumi di vino Made in Italy, seguiti dalla Germania dove l’aumento è del 12%, e dal Regno Unito. Ma ottimi risultati si registrano anche in Francia (+14%), dove gli acquisti di vino italiano sono peraltro praticamente raddoppiati nel giro degli ultimi 10 anni, nonché sul mercato cinese (+16%) e su quello russo (+9%), nonostante le sanzioni continuino a penalizzare gravemente l’agroalimentare tricolore. Ma ottimi risultati si registrano anche in mercati inaspettati e lontani dalle solite rotte.

 

Prošek: 60 giorni per opporsi alla registrazione Ue dei vini croati

22-09-2021 | News

È stata pubblicata oggi in Gazzetta ufficiale dell’Unione Europea la...

Dl Green Pass Lavoro in Gazzetta: ecco tutte le novità

22-09-2021 | News

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto legge Green...

Cnr-Confindustria: nuovo bando sui dottorati di ricerca industriali cofinanziati

22-09-2021 | News

A febbraio 2020 è stata rinnovata la Convenzione operativa con...

Prosecco Doc, una bottiglia da museo

21-09-2021 | Arte del bere

Per l’inaugurazione di ADI Design Museum di Milano è stata...

Export di vino, aceto, acquaviti e liquori, la crescita del primo semestre 2021

21-09-2021 | Studi e Ricerche

I macro-numeri recati dall’export di vini e mosti nel 1° semestre dell’anno...

È a Genova il ristorante premiato da Wine Spectator con il “Best of Award of Excellence”

21-09-2021 | Arte del bere

Amanti del vino, il Ristorante San Giorgio è da annoverare...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.