News

In Italia si beve alcool, ma con moderazione e attenzione alla qualità: sono queste le principali conclusioni della relazione del ministero della Salute in materia di alcol e problemi alcol-correlati negli anni 2007-2008. L'Italia, soprattutto se confrontata col resto degli stati dell'Unione Europea, come Regno Unito e Germania, registra livelli di consumo inferiori per quanto riguarda le bevande alcoliche. Inoltre, anche se esistono comportamenti a rischio che non vanno sottovalutati, il consumo di queste bevande in Italia resta saldamente legato a uno stile e a una tradizione legata alla convivialità, alla buona tavola e alla moderazione.

I risultati evidenziati dal rapporto del ministero della Salute confermano anche i dati del rapporto "giovani e alcol" realizzato nei mesi scorsi dall'Ispo, l'Istituto per gli studi sulla pubblica opinione, e commissionato da Federvini: da questa indagine, infatti, risulta che la tendenza a eccedere con l'alcol interessa una parte minoritaria di popolazione e varia con l'età. In particolare, poi, il "Binge drinking" (cioè il bere molto, ma non spesso), nel nostro paese è un fenomeno che riguarda "solo" il 10% dei giovani.

Tuttavia, il dato resta preoccupante: proprio Federvini, nei mesi scorsi, ha lanciato una campagna di comunicazione e sensibilizzazione sul "bere responsabile", ispirato a uno "Stile mediterraneo" di consumo delle bevande alcoliche, vale a dire un bere moderato e di qualità, legato ai pasti, conviviale, che ha dimostrato l'impegno dell'intero comparto nel constrastare il consumo errato di bevande alcoliche. In una nota, Federvini sottolinea anche «la necessità di agire, soprattutto nei confronti dei giovani, nella promozione di stili di consumo mediterranei, tipici della nostra cultura secolare e garanzia di responsabilità e misura», evitando misure proibizionistiche poco efficaci.

fonte: www.ilsole24ore.it

I gioielli nascosti della Garfagnana, da Barga a Castiglione, assaporando il Candia

23-08-2019 | Itinerari

Borghi medievali, corsi d’acqua spumeggianti, foreste selvagge, colline e picchi...

Addio a Lapo Mazzei, protagonista del Chianti Classico

22-08-2019 | News

All’età di 94 anni si è spento, nella sua tenuta...

L'assenzio di Pontarlier ottiene l'indicazione geografica

21-08-2019 | Arte del bere

L'assenzio di Pontarlier ha ottenuto l'etichetta di indicazione geografica per...

Complessità, acidità e tannini: in Uk la bevanda analcolica con 20 botaniche per accompagnare cibi gourmet

21-08-2019 | Trend

La britannica Nine Elms ha lanciato No.18, una bevanda senza alcool...

In Usa nasce Spirits United, piattaforma online per migliorare e promuovere l'industria delle bevande alcoliche

21-08-2019 | Estero

Il Distilled Spirits Council ha lanciato Spirits United, una piattaforma...

Aumento dell'Iva: cosa rischiano le aziende del vino

20-08-2019 | News

Uno degli elementi in discussione, durante queste giornate di crisi...

Federvini

   Via Mentana 2/B, 00185 Roma
+39.06.49.41.630
+39.06.44.69.421
+39.06.49.41.566
redazione@federvini.it
www.federvini.it
   C.F. 01719400580

Condividi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news del portale Federvini.

Seguici

  

© 2019 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection