News

La Commissione europea e il governo del Regno Unito hanno raggiunto un accordo politico di principio sul Quadro di Windsor, un insieme completo di soluzioni congiunte volte ad affrontare in modo definitivo le sfide pratiche che i cittadini e le imprese dell'Irlanda del Nord devono affrontare.

Di particolare interesse:

Le merci provenienti dalla Gran Bretagna e destinate all'Irlanda del Nord viaggeranno attraverso una nuova "corsia verde", con una "corsia rossa" separata per le merci a rischio di passaggio nell'UE. I prodotti che entrano in Irlanda del Nord attraverso la corsia verde vedranno ridotti in modo significativo i controlli e le pratiche burocratiche. Ad esempio, per quanto riguarda le dogane, i commercianti di fiducia potranno usufruire di processi più agevoli per il trasporto di merci destinate all'uso finale in Irlanda del Nord. Inoltre, saranno eliminati i certificati per le spedizioni di prodotti biologici e vino dalla Gran Bretagna destinate all'Irlanda del Nord. Gli standard di salute e sicurezza pubblica del Regno Unito si applicheranno a tutti gli alimenti e le bevande al dettaglio nel mercato interno britannico. Gli standard del Regno Unito si applicheranno anche in modo più ampio al commercio tra la Gran Bretagna e l'Irlanda del Nord, coprendo le norme sulla salute pubblica, la commercializzazione, i prodotti biologici, l'etichettatura, la modificazione genetica e le bevande come i vini, gli alcolici e le acque minerali - comprese, a quanto pare, le norme sull'etichettatura e la produzione. La Commissione e il governo britannico hanno concordato una serie di misure per evitare conseguenze indesiderate dell'applicazione delle norme UE in materia di IVA e accise in Irlanda del Nord. Ciò è possibile in quanto il Protocollo riconosce la situazione specifica dell'Irlanda del Nord, che da un lato segue le norme dell'UE nei settori dell'IVA e delle accise per le merci, mentre dall'altro tiene conto del fatto che l'Irlanda del Nord è parte integrante del mercato interno del Regno Unito. Per quanto riguarda specificamente le accise, la Commissione e il governo britannico hanno concordato che il Regno Unito potrà tassare tutte le bevande alcoliche in base al loro titolo alcolometrico in Irlanda del Nord, discostandosi così dalle norme dell'UE sulla struttura delle accise, e applicare aliquote di accisa ridotte a tutto l'alcol e alle bevande alcoliche servite per il consumo immediato nei locali di ospitalità. Il Regno Unito non potrà applicare alcuna aliquota di accisa inferiore ai minimi dell'UE.

La Commissione europea e il Governo del Regno Unito procederanno, nell'ambito delle rispettive competenze, con i passi necessari per tradurre le soluzioni comuni in strumenti giuridicamente vincolanti e per attuarle rapidamente e in buona fede.

Fissati i criteri per accedere agli incentivi per le Comunità energetiche

28-02-2024 | Normative

Nel corso della settimana, il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza...

L'enologo siciliano Pietro Russo terzo Master of Wine Italiano

26-02-2024 | Arte del bere

Pietro Russo, rinomato enologo siciliano, ha ottenuto il prestigioso titolo...

NoviAgri, primi prototipi e app per il controllo delle malattie in vigneto

23-02-2024 | Studi e Ricerche

Il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato ha illustrato...

Vermouth di Torino, consumi in crescita e nuovi “Ambasciatori”

23-02-2024 | Trend

Il Vermouth di Torino, tipica eccellenza del Piemonte, fa sempre...

Mezcal, un ingrediente artigianale nuova star della mixology

22-02-2024 | Trend

Il Mezcal, antica bevanda messicana, vive un momento di rinascita...

Vini dealcolizzati e parzialmente dealcolizzati: le faq della Commissione Ue

21-02-2024 | Normative

Sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea del 15 gennaio 2024 è...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.