News

A quasi tre anni dalla presentazione delle proposte di riforma della Politica agricola comune (PAC) da parte della Commissione europea, le tre istituzioni Ue sono prossime ad un accordo politico, che potrebbe essere raggiunto in occasione della riunione dei Ministri dell’Agricoltura Ue in programma il 28-29 giugno.

Con riferimento al settore vitivinicolo, da quanto risulta, le tre istituzioni si sarebbero accordate sulle prossime regole in materia di etichettatura ovvero sull’indicazione obbligatoria in etichetta del valore energetico e, per il tramite dell’e-label, della lista degli ingredienti e della dichiarazione nutrizionale completa per i vini e i prodotti vitivinicoli aromatizzati. Parimenti, risulterebbe esserci un accordo sulla proroga dal 2030 al 2045 del sistema di autorizzazioni per gli impianti viticoli, così come dovrebbero essere confermate le tre misure chiave che caratterizzano i programmi di sostegno del settore ovvero la ristrutturazione e riconversione dei vigneti, la misura investimenti e la promozione dei vini nei Paesi terzi, anche se su quest’ultima - sempre secondo le ultime informazioni circolate - occorrerebbe fare un ultimo sforzo per introdurre il consolidamento dei mercati fra gli obiettivi previsti per la misura. Inoltre, parrebbe esserci un accordo sulla possibilità di introdurre strumenti per consentire il c.d. value sharing fra gli operatori che compongono la filiera produttiva di una denominazione, una novità fortemente voluta dalla Francia.

A seguito dell’adozione da parte del Parlamento europeo e del Consiglio dell’Ue delle rispettive posizioni generali sulla riforma della PAC, il 10 novembre scorso sono stati avviati i negoziati trilaterali (il c.d. trilogo) tra Parlamento, Consiglio e Commissione: da allora si sono svolti più di venti triloghi e diverse decine di incontri tecnici e preparatori. Tuttavia, nonostante le intense discussioni, tra cui anche il c.d. trilogo jumbo - una vera e propria maratona negoziale che si è svolta dal 25 al 27 maggio scorso a Bruxelles - non è stato ancora possibile finalizzare l’accordo politico. Permangono, infatti, distanze su alcuni elementi chiave della riforma ovvero la nuova architettura verde e la relativa dotazione finanziaria, gli standard sociali vincolanti per l’ottenimento dei contributi e le modalità di gestione degli aiuti diretti (pagamento ridistributivo, capping e degressività degli aiuti). I negoziatori sono al lavoro per consentire alle tre istituzioni Ue di raggiungere un accordo entro la fine del mese.

Investimenti 2024-2025: il Masaf proroga le domande

21-02-2024 | Normative

Il Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (Masaf)...

Ratifica dell’accordo Ue-Canada: i benefici per vini e spiriti italiani

20-02-2024 | News

Si è svolta  l’Audizione informale di Federvini sulla Ratifica ed esecuzione...

Confindustria presenta "Fabbrica Europa": strategie per il futuro competitivo dell'industria europea

20-02-2024 | News

Il 20 febbraio a Roma, Confindustria ha presentato il documento...

Cile: studi per l’utilizzo alimentare dei residui di produzione di vino e birra

20-02-2024 | Studi e Ricerche

Le scienziate cilene Carmen Soto e Lida Fuentes stanno conducendo...

Italia 2024: Confindustria vede sfide e opportunità, serve una spinta sul Pnrr

19-02-2024 | News

Secondo l'ultimo rapporto del Centro Studi di Confindustria l'anno in...

Modifica disciplinare vino Piceno

15-02-2024 | Normative

Sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del 13 febbraio 2024...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.