News

Il CONAI ha pubblicato le linee guida sull’etichettatura ambientale degli imballaggi (http://www.progettarericiclo.com//docs/etichettatura-ambientale-degli-imballaggi).

Il documento CONAI vuole essere uno strumento di aiuto per le Aziende nell’ottemperare ai nuovi obblighi in materia di etichettatura ambientale derivanti dall’approvazione del Decreto legislativo n. 116 del 2020, che ha modificato il Codice dell’Ambiente riguardo le informazioni obbligatorie che devono essere riportate sugli imballaggi, vetro incluso.

Infatti, l’articolo 3, comma 3, lettera c), del citato d.lgs. ha modificato il comma 5 dell’articolo 219 del richiamato Codice dell’Ambiente (Decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152).

La formulazione attuale è:

Tutti gli imballaggi devono essere opportunamente etichettati secondo le modalità stabilite dalle norme tecniche UNI applicabili e in conformità alle determinazioni adottate dalla Commissione dell’Unione europea, per facilitare la raccolta, il riutilizzo, il recupero ed il riciclaggio degli imballaggi, nonché per dare una corretta informazione ai consumatori sulla destinazione finale degli imballaggi. I produttori hanno, altresì l’obbligo di indicare, ai fini della identificazione e classificazione dell’imballaggio, la natura dei materiali di imballaggio utilizzati, sulla base della decisione 97/129/CE della Commissione”.

Ne consegue che – a decorrere dal 26 settembre 2020 - tutti gli imballaggi devono riportare le informazioni relative alla natura del materiale, sulla base delle indicazioni fornite dalla decisione 97/129/CE della Commissione (Allegato 1), e, quando sono destinati al consumatore finale, anche le informazioni relative al corretto smaltimento/raccolta differenziata.

Poiché l’articolo 261, comma 3, del Codice dell’Ambiente dispone che la sanzione amministrativa pecuniaria da cinquemiladuecento euro a quarantamila euro si applica a chiunque immette nel mercato interno imballaggi privi dei requisiti di cui all’articolo 219, comma 5”, l’obbligo ricade non solo sui produttori degli imballaggi ma anche sugli utilizzatori: questi ultimi, infatti, sono i soggetti che materialmente immettono l’imballaggio nel mercato, in particolare, per gli imballaggi destinati al consumatore finale.

Tale novità legislativa ha generato alcune criticità: fra tutte spicca quella relativa all’entrata in vigore del nuovo obbligo, non prevedendo la norma alcun periodo transitorio, né di esaurimento/smaltimento delle scorte dei prodotti in magazzino.

Non è escluso che possa intervenire a breve un decreto correttivo.

Investimenti 2024-2025: il Masaf proroga le domande

21-02-2024 | Normative

Il Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (Masaf)...

Ratifica dell’accordo Ue-Canada: i benefici per vini e spiriti italiani

20-02-2024 | News

Si è svolta  l’Audizione informale di Federvini sulla Ratifica ed esecuzione...

Confindustria presenta "Fabbrica Europa": strategie per il futuro competitivo dell'industria europea

20-02-2024 | News

Il 20 febbraio a Roma, Confindustria ha presentato il documento...

Cile: studi per l’utilizzo alimentare dei residui di produzione di vino e birra

20-02-2024 | Studi e Ricerche

Le scienziate cilene Carmen Soto e Lida Fuentes stanno conducendo...

Italia 2024: Confindustria vede sfide e opportunità, serve una spinta sul Pnrr

19-02-2024 | News

Secondo l'ultimo rapporto del Centro Studi di Confindustria l'anno in...

Modifica disciplinare vino Piceno

15-02-2024 | Normative

Sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del 13 febbraio 2024...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.