News

Dopo un periodo di fermo dovuto al virus che ha toccato in prima persona i capi negoziatori, Michel Barnier e David Frost, sono ricominciati i round negoziali sulla Brexit. Tutti i colloqui si terranno in videoconferenza e nel frattempo si sperimenta il cosiddetto "parlamento virtuale" a Westminster. L’obiettivo, come sempre, è quello di trovare un accordo commerciale che sostituisca l’attuale mercato unico e unione doganale europea vigente.

Punti nevralgici di discussione moltissime questioni tra cui i servizi finanziari, i diritti di pesca, gli scambi universitari e tanto altro. Data la portata e le modalità di questi negoziati, sono sempre più frequenti ed insistenti le richieste di una proroga del periodo di transizione. Anche il governo scozzese ha invitato Boris Johnson a prorogare di due anni il periodo. Michael Russell, segretario di gabinetto della Scozia per l'Europa, ha affermato che un’estensione manterrà il Regno Unito il più vicino possibile all'UE e offrirà l'opportunità di ripensare le relazioni future. Tuttavia, Johnson, il ministro delle Finanze Rishi Sunak e anche Frost affermano che nonostante la pandemia il Regno Unito lascerà l'Ue il 31 dicembre a costo nuovamente di un No-Deal ossia un'uscita senza accordo.

Tour sciistici sulle Dolomiti alla scoperta della Grande Guerra

02-02-2023 | Itinerari

In questo periodo dell'anno le Dolomiti sono una delle mete...

Nuova viticoltura, studio sui vitigni resistenti

01-02-2023 | Studi e Ricerche

Unire qualità alla concreta sostenibilità: è questo lo spirito che...

Abruzzo eletta regione vinicola dell'anno per Wine Enthusiast

01-02-2023 | Arte del bere

Riconoscimento prestigioso per l'Abruzzo proveniente dagli Stati Uniti, dove Wine Enthusiast...

Piano Gestione dei Rischi, via libera da Stato-Regioni

01-02-2023 | Normative

Tra le novità del Piano di Gestione dei Rischi in Agricoltura...

Parlamento Ue: interrogazione urgente sull’etichettatura degli alcolici in Irlanda

01-02-2023 | News

Un'interrogazione urgente alla Commissione Ue sull'etichettatura degli alcolici voluta dall'Irlanda...

Usa, calano le vendite dirette delle case vinicole ma cresce il valore delle bottiglie

01-02-2023 | Arte del bere

Le vendite dirette delle cantine americane (direct-to-consumer) sono calate del...

© 2023 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.