L’emergenza legata all’epidemia da Covid-19 desta forte preoccupazione nel sistema produttivo, soprattutto dopo la scoperta di focolai in Italia. In particolare, da un’indagine effettuata da Confindustria sulle imprese, emerge che il 65% dei rispondenti ha registrato impatti sulla propria attività a causa della diffusione del Covid-19 in Italia. La percezione è stata più alta della media in Lombardia e Veneto, dove si è attestata intorno al 70%.

A oggi, la diffusione del Covid-19 in Italia sta causando soprattutto danni al fatturato delle aziende, come indicato dal 27% dei rispondenti. Per la manifattura, il 60% delle imprese intervistate ravvisa degli effetti negativi, con problemi più evidenti per il settore dell’abbigliamento e della lavorazione dei pellami, della chimica e dell’elettronica. L’impatto è risultato pervasivo per le attività di alloggio e ristorazione, dove il 99% dei rispondenti ha segnalato di aver subito effetti negativi, nonché per tutte le attività legate ai servizi di trasporto.

Si tratta ovviamente di stime preliminari. Gli effetti saranno anche peggiori a seguito dell’estensione delle restrizioni su tutto il territorio nazionale disposta con il DPCM dello scorso 9 marzo. Pertanto, Confindustria ha elaborato una serie di proposte volte a fronteggiare la crisi economica e sociale indotta dalla progressiva espansione dell’emergenza epidemiologica.

Il documento articola interventi urgenti per il Paese su quattro direttrici prioritarie:

  • rilanciare gli investimenti pubblici per sostenere la domanda interna, l’attività produttiva e l’occupazione;
  • garantire nell’immediato la liquidità delle imprese attraverso vari strumenti, tra cui la sospensione dei pagamenti di imposte e contributi e la previsione di agevolazioni finalizzate alla concessione di nuove linee di credito, soprattutto per il finanziamento del circolante;
  • prevedere interventi di sostegno all’occupazione, attraverso l’utilizzo degli ammortizzatori sociali per sostenere settori e filiere in crisi;
  • prevedere procedure omogenee su tutto il territorio nazionale per garantire la continuità produttiva, evitando interventi frammentari e contraddittori tra i vari livelli di Governo. 

 

Fondo Ristorazione, sul Portale le Faq per i chiarimenti

20-11-2020 | News

Sono già migliaia le richieste di contributo giunte al Portale...

Quest’estate gli italiani hanno scelto per le vacanze destinazioni costiere del Bel Paese

20-11-2020 | Itinerari

Omio, l'app e piattaforma di viaggio che permette agli utenti di...

Russia: nuovi valori per le accise

10-11-2020 | Normative

La Duma ha approvato i nuovi valori delle aliquore di...

Brexit: fino al 30 giugno 2021 non sarà richiesto il certificato VI-1 per i vini

28-10-2020 | News

Ieri, 27 ottobre, il DEFRA (Department for Environment Food &...

Le novità del Dpcm firmato il 25 ottobre

25-10-2020 | News

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato il nuovo...

Usa: Gluten-free labels

10-09-2020 | News

Gluten-free labels – On 12 August 2020, the U.S. Food...

Federvini

   Via Mentana 2/B, 00185 Roma
+39.06.49.41.630
+39.06.44.69.421
+39.06.49.41.566
redazione@federvini.it
www.federvini.it
   C.F. 01719400580

Condividi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news del portale Federvini.

Follow us

  

© 2020 Federvini - Italian Federation of Industrial Producers, Exporters and Importers of Wines, Sparkling Wines, Spirits, Syrups, Vinegar

Please publish modules in offcanvas position.