Crespi dAdda è l’affascinante villaggio operaio a una manciata di chilometri da Milano sorto a fine ottocento intorno al cotonificio Crespi e rimasto immutato nel tempo. Il borgo, tutt’ora abitato da famiglie legate alla fabbrica e alla sua storia, permette di vivere un viaggio negli ultimi 150 anni della nostra storia, alla scoperta di come si viveva dentro e intorno alla fabbrica. La visita al villaggio di Crespi DAdda non è solo un’occasione di turismo originale ma un vero e proprio percorso esperienziale, per conoscere storie, personaggi e ritmi di vita di un’epoca distante da noi ma nello stesso tempo vicinissima.

Per i ponti di primavera Crespi DAdda offre un programma di visite modulare che permette di vedere il villaggio, gli spazi museali, l’ex cotonificio e la centrale idroelettrica situata lungo il fiume. Visitare Crespi DAdda - una frazione del comune di Capriate San Gervasio, in provincia di Bergamo, a meno di 20 km dal capoluogo e a circa 40 km da Milano – è fare un viaggio nel mondo dell’archeologia industriale con lo sguardo rivolto al futuro. È scoprire un villaggio operaio nato nel 1876 grazie alla determinata volontà e la visionaria immaginazione di Cristoforo Benigno Crespi che realizza il villaggio e gli edifici pubblici comuni a servizio degli operai impiegati nel grande cotonificio inaugurato nel 1878, e delle loro famiglie. Crespi DAdda nel 1995 è stato riconosciuto dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità.

Nel villaggio, rimasto intatto a distanza di circa 145 anni, oggi vivono circa trecento abitanti in gran parte discendenti di coloro che in quel luogo vissero o lavorarono. È costituito da cinquantacinque casette, quelle destinate agli operai, pressoché uguali e disposte allineate ed equidistanti lungo le vie, da tre palazzotti, le prime abitazioni realizzate a Crespi dAdda, dalle case dei capireparto e dalle ville dei dirigenti. E poi, ancora, dagli edifici pubblici: il lavatoio, il dopolavoro, l’albergo, la chiesa, il teatro e le scuole, solo per citarne alcuni. Il tutto ruota attorno al grande cotonificio, la fabbrica, che, al culmine della sua ascesa commerciale, ha accolto fino a quattromila persone tra operai e impiegati nell’amministrazione e settantamila fusi. 

L’esperimento Crespi, così come concepito dal suo fondatore, termina nel 1929. Il cotonificio dal 1930 passa a diverse aziende manifatturiere (Cotonificio Veneziano, Manifatture Toscane, Tessilia, Addafilo, Inditex, Leglertex, per ricordare solo le principali) e nel 2003 chiude definitivamente i cancelli e ferma le sue macchine. Oggi il grande complesso industriale, circa 80.000 metri quadrati coperti, è nuovamente in fermento e proiettato al futuro. Qui, dopo un’accurata operazione di recupero dei fabbricati, autorizzata dalla Soprintendenza ai Beni architettonici e culturali, si spera che possano ospitare le sedi delle diverse attività del gruppo Percassi oltre ad uffici di aziende e laboratori che, dopo 20 anni, riporteranno il lavoro negli spazi della fabbrica. 

Visitare il villaggio industriale di Crespi dAdda è visitare un museo vivente a cielo aperto, è attraversare la città che cambia al ritmo del lavoro, le case, l’industria, e rivivere un sogno, la sua ascesa, il suo declino, la sua rinascita. Tutto ancora oggi a Crespi, nella sua solo apparente immobilità, ci parla di storia, di tradizioni, di una forte identità ma anche di trasformazione e della vitalità che anima la comunità crespese.

È, infatti, anche contando sulla partecipazione dei cittadini che Giorgio Ravasio, dal 1991 e oggi presidente dell’Associazione Crespi dAdda, ha intrapreso un importante percorso di promozione e valorizzazione e promozione del sito industriale riuscendo a risollevarlo dopo anni di degrado e abbandono. Oggi Crespi dAdda si può annoverare come esempio virtuoso di gestione culturale, rigenerazione economica e progettualità continua, considerato un vero e proprio modello di riferimento a livello nazionale e internazionale.

 

Cina: a luglio l’audizione antidumping sul brandy Ue

08-07-2024 | News

La Cina potrebbe presto colpire il brandy europeo con misure...

Russia may impose 200% duties on European wine

19-06-2024 | News

An official from the Federal Customs Service of Russia reportedly...

Negroni ancora in cima nella classifica mondiale dei cocktail

06-05-2024 | Trend

Negroni ûber alles… Ancora una volta il celebre aperitivo è...

Unctad's role in international wine trade

19-03-2024 | News

Unctad, composed of 195 countries, is the Un focal point...

Qatar Duty Free acquisisce il monopolio di vendita degli alcolici

01-03-2024 | Estero

Qatar Duty Free ha annunciato l'acquisizione completa di Qatar Distribution...

L'enologo siciliano Pietro Russo terzo Master of Wine Italiano

26-02-2024 | Arte del bere

Pietro Russo, rinomato enologo siciliano, ha ottenuto il prestigioso titolo...

Federvini

   Via Mentana 2/B, 00185 Roma
+39.06.49.41.630
+39.06.44.69.421
+39.06.49.41.566
redazione@federvini.it
www.federvini.it
   C.F. 01719400580

Condividi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news del portale Federvini.

Follow us

  

Please publish modules in offcanvas position.

Your message here