Trend

Arte, architettura, design, interni, consigli culinari, tendenze, moda e comunicazione. Tutto all'insegna del buon gusto.

Uno studio, pubblicato all'inizio di quest'anno, ha concluso che alcune specie di pipistrelli cacciano le falene dannose per i vigneti. I produttori di vino della Dordogna hanno così deciso di installare scatole di pipistrelli intorno ai loro vigneti per incoraggiare i mammiferi ad agire come un "pesticida" naturale.

Lo studio, commissionato dal comitato dell'industria vinicola di Bordeaux (CIVB) e realizzato dalla lega di protezione degli animali e degli uccelli della regione (LPO Aquitaine), insieme allo studio di consulenza Eliomys e all'Istituto nazionale per la ricerca agricola (INRA), ha scoperto che i pipistrelli potrebbero essere usati per aiutare a controllare la falena della vite nei vigneti. Nei 23 appezzamenti di terreno studiati nel dipartimento della Gironda, che comprende anche Bordeaux, 19 delle 22 specie di pipistrelli conosciute che abitano nella zona sono state registrate almeno una volta. Inoltre, lo studio ha rilevato che alcune specie di pipistrelli aumentavano la loro attività venatoria quando si imbattevano nella falena della vite.

Al fine di garantire che questo comportamento non fosse dovuto alla presenza di altri insetti oltre alle falene, lo studio ha valutato la dieta dei pipistrelli e analizzato il loro guano (escrementi). Il DNA della tignola della vite formava un grande costituente del guano del pipistrello nelle zone di coltivazione della vite, anche quando il numero di falene segnalato era relativamente basso. "Per la prima volta questi risultati dimostrano formalmente la capacità dei pipistrelli di nutrirsi di tignole e falene di cochylis", ha cocluso lo studio.

Come riportato dal Telegraph, i produttori di vino della Dordogna stanno installando scatole di pipistrelli attorno ai loro vigneti, grazie anche alla collaborazione delle scuole secondarie locali che contribuiscono all'iniziativa. Circa 20 domini del vino sono coinvolti nel test e saranno eseguiti nei prossimi tre anni, secondo il documento. BatViti è stato fondato nel 2016. Il progetto è promosso dalla camera locale dell'agricoltura per ridurre in modo significativo l'uso di pesticidi entro il biennio.

Guillaume Barou, vicepresidente della cooperativa vinicola di Monbazillac, ha dichiarato al Telegraph: "L'uso di prodotti fitosanitari è l'ultima risorsa per un agricoltore che lotta contro una minaccia che mette in pericolo il suo raccolto. Se riusciamo a trovare altre soluzioni prima di raggiungere quella soglia è perfetto".

 

 

Wine and the White House: un libro sui vini dei presidenti

17-01-2020 | Arte del bere

Donald Trump se ne fa un vanto: “non ho mai...

Dove nasce il Torcolato

17-01-2020 | Itinerari

Domenica 19 gennaio 2020 a partire dalle 14.30 la Doc Breganze celebrerà nella piazza principale...

Dazi Usa: 117 membri del Congresso americano chiedono di non colpire il vino

16-01-2020 | News

Il Gruppo americano Congressional Wine Caucus (membri del Congresso americano legati al...

La nuova architettura del sostegno pubblico all'export

15-01-2020 | News

A seguito del riordino delle competenze tra Ministero per gli...

Calano i consumatori abituali di vino in Usa. Lo studio di Wine Intelligence

14-01-2020 | Studi e Ricerche

La popolazione di bevitori abituali di vino negli Stati Uniti...

Asia, Nuova Zelanda e Cile: le opportunità formative per le giovani Donne del Vino

14-01-2020 | Arte del bere

Dai mercati dell’Asia alle vigne della Nuova Zelanda e del...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection