Trend

Arte, architettura, design, interni, consigli culinari, tendenze, moda e comunicazione. Tutto all'insegna del buon gusto.

Un Glen Moray single malt di 30 anni, al prezzo di 350 sterline e limitato a 152 bottiglie numerate è il primo whisky associato ad un Ntf. Ogni bottiglia porta un codice QR unico collegato al suo certificato di provenienza digitale o token non fungibile (NFT), che utilizza la tecnologia blockchain per trasmettere in modo sicuro le informazioni sul prodotto su un libro mastro pubblico. Questo, nelle intenzioni dei produttori, aiuterà i collezionisti ad alleviare il rischio di acquistare una bottiglia falsa.

Il progetto è stato sviluppato in associazione con la start-up tecnologica CD Corp di Aberdeen, che conia gli NFT sulla piattaforma blockchain Solana (SOL), che The Whisky Barrel dice di aver scelto per il suo grado di sostenibilità (carbon neutral e basso consumo di energia). Il certificato di provenienza digitale fornisce una prova di proprietà e informazioni sulla provenienza di ogni bottiglia. I primi 30 NFT presentano anche una rappresentazione grafica della bottiglia, che la distilleria spera possa renderli più collezionabili.

Accordo di libero scambio Ue-Nuova Zelanda

05-07-2022 | Estero

Quattro anni dopo l'inizio delle trattative, Il 30 giugno scorso...

Più estero nella edizione di ottobre della Milano Wine Week

05-07-2022 | Arte del bere

La Milano Wine Week annuncia le date della nuova edizione...

International Wine Tour per conoscere le strategie di accoglienza delle aziende vitivinicole straniere

05-07-2022 | Trend

Negli ultimi due anni, grazie all’Italian Wine Tour, l’iconico camper...

Il Consorzio Vini d'Abruzzo primo a ottenere la certificazione di sostenibilità integrata "SI rating"

05-07-2022 | Arte del bere

Il Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo - che raggruppa oltre 200 produttori...

L’Alaska cambia le regole sulle licenze alcoliche

05-07-2022 | Estero

L'Alaska cambia le regole sulle licenze alcoliche. La nuova legislazione...

L’84% delle aziende vinicole ha certificazione di sostenibilità (ma lo comunica poco)

05-07-2022 | Studi e Ricerche

 L'84% delle aziende italiane del vino presenta almeno una certificazione...

© 2022 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.