Trend

Arte, architettura, design, interni, consigli culinari, tendenze, moda e comunicazione. Tutto all'insegna del buon gusto.

Forte crescita di vendite nel 2021 per gli alcolici sul mercato Usa. Secondo il Distilled Spirits Council of the United States (DISCUS) la graduale riapertura di bar e ristoranti durante la pandemia e gli acquisti di fascia alta per consumo domestico hanno contribuito a stimolare le vendite.

L'anno scorso i consumatori hanno premiato vodka, tequila e whisky americano, ma sono stati soprattutto i ready to drink (RTD) a registrare la crescita più forte. Le vendite di alcolici negli Usa sono in crescita per il 12° anno consecutivo: gli spirits hanno guadagnato quote di mercato rispetto a birra e vino, salendo di 1,7 punti al 41,3% del mercato totale delle bevande alcoliche. Le vendite sono aumentate del 12% nel 2021 per un totale di 35,8 miliardi di dollari, mentre i volumi sono salitii del 9,3%.

Tra le categorie chiave che guidano le vendite c'è la vodka, con ricavi in aumento del 4,9% a 7,3 miliardi di dollari; la tequila e il mezcal hanno registrato un'impennata del 30,1% a 5,2 miliardi di dollari (il 98% è per la tequila, riferisce DISCUS); il whisky americano ha guadagnato il 6,7% a 4,6 miliardi di dollari e il brandy e il cognac sono in aumento del 13,1% a 3,5 miliardi di dollari.

Le vendite degli alcolici super-premium sono aumentate del 24,2% rispetto all'anno precedente. "Quasi l'82% dell'aumento delle entrate totali del settore degli alcolici è derivato dalla vendita di alcolici di fascia alta e super-premium - dice Christine LoCascio di DISCUS -. Acquisti spesso per consumo domestico da parte di consumatori di alcolici che hanno ridotto le spese per le vacanze e le cene fuori per il secondo anno di fila".

I cocktail RDT rubano quote a birra e seltz. Le vendite sono aumentate del 42,3% a 1,6 miliardi di dollari nel 2021. Tuttavia, i RTD a base di alcolici rappresentano ancora una frazione dell'industria complessiva degli RTD, che comprende anche seltz e bevande al malto. Secondo IWSR, una società di analisi del mercato delle bevande, i cocktail a base di alcolici rappresentano solo l'8% del volume del mercato, glli RTD a base di vino rappresentano l'1%.

I volumi di vendita di alcolici negli esercizi on-premise, che rappresentano circa il 20% del mercato statunitense, sono aumentati del 53% nel 2021, probabilmente a causa della chiusura di ristoranti e bar a livello nazionale e delle restrizioni dell'anno precedente. I volumi di vendita off-premise, che hanno visto forti guadagni nel 2020, sono stati piatti nel 2021.

Foto Unsplash

 

Accordo di libero scambio Ue-Nuova Zelanda

05-07-2022 | Estero

Quattro anni dopo l'inizio delle trattative, Il 30 giugno scorso...

Più estero nella edizione di ottobre della Milano Wine Week

05-07-2022 | Arte del bere

La Milano Wine Week annuncia le date della nuova edizione...

International Wine Tour per conoscere le strategie di accoglienza delle aziende vitivinicole straniere

05-07-2022 | Trend

Negli ultimi due anni, grazie all’Italian Wine Tour, l’iconico camper...

Il Consorzio Vini d'Abruzzo primo a ottenere la certificazione di sostenibilità integrata "SI rating"

05-07-2022 | Arte del bere

Il Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo - che raggruppa oltre 200 produttori...

L’Alaska cambia le regole sulle licenze alcoliche

05-07-2022 | Estero

L'Alaska cambia le regole sulle licenze alcoliche. La nuova legislazione...

L’84% delle aziende vinicole ha certificazione di sostenibilità (ma lo comunica poco)

05-07-2022 | Studi e Ricerche

 L'84% delle aziende italiane del vino presenta almeno una certificazione...

© 2022 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.