Trend

Arte, architettura, design, interni, consigli culinari, tendenze, moda e comunicazione. Tutto all'insegna del buon gusto.

Il Covid-19 ha radicalmente modificato le nostre abitudini. E anche la ripartenza non può prescindere da radicali misure di sicurezza. Soprattutto nei luoghi di aggregazione sociale come bar, enoteche e ristoranti. Per limitare al massimo il rischio di contagio è necessario trovare soluzioni alternative anche per carte die vini e menu. Enolò ha realizzato allo scopo un sistema facile, immediato, flessibile, fruibile ed ecologico. L’azienda, che già dal 2016 ha investito nella rivoluzione digitale offrendo servizi innovativi a tutta la filiera del vino, mette a disposizione di ristoratori, titolari di winebar, enoteche e tutte le realtà imprenditoriali del vino, la sua Carta dei Vini digitale, accessibile tramite una semplice registrazione sulla piattaforma cartadeivini.wine, in modo gratuito. 

La Carta dei Vini digitale, oggi, è una realtà, soprattutto in termini di costi. “Ci è sembrato giusto – spiega Stefano Baldi Ceo e Founder di Enolò -, essere vicini agli operatori economici con una soluzione utilizzabile da subito da tutti gli operatori in forma gratuita. Dalla nascita di Enolò nel 2016 – aggiunge – abbiamo sempre avuto una visione innovativa e oggi abbiamo realizzato un progetto concreto, semplice ed immediato che da soluzioni vincenti a tutta la filiera del vino, in un periodo che ci riserva nuove regole e grossa attenzione alla salute del consumatore.

La carta dei vini digitale di Enolò garantisce la personalizzazione del brand, flessibilità e differenziazione dell'offerta. È possibile stamparla anche in modalità “usa e getta” e la versione digitale risponde certamente in modo immediato al bisogno di abbattere i costi e rispettare l’ambiente. Sia all’interno del locale che al di fuori il cliente può accedere alla carta dei vini digitale in ogni momento dal proprio smartphone.

Enolò è già pronta al passo successivo: il menù. Da lunedì 25 maggio sarà pronta una nuova release del sistema Carta dei Vini in cui, oltre alle funzionalità connesse al vino, gli operatori troveranno tutti gli strumenti per organizzare e presentare efficacemente il loro menù con un unico sistema. 

“Attraverso la nostra piattaforma, i ristoranti, le enoteche, e tutti gli altri operatori dispongono di un sistema on line per organizzare e gestire la loro cantina Enolò è molto ampio e tra le funzionalità più vantaggiose c’è un marketplace originale grazie al quale i produttori di vino e i dealers dell’Horeca possono instaurare rapporti sinergici: un fil rouge digitale – conclude Baldi - che integrato a servizi di logistica specialistici, genera valore e opportunità per l’intero settore enogastronomico”.

Cantine e vigne: l'identikit dell'enoturista e le "ricette" post-Covid

29-05-2020 | Arte del bere

Dopo un buon 2019 che in Italia ha visto salire...

Agea aggiorna e integra i precedenti provvedimenti

29-05-2020 | Normative

Con circolare n. 36399 del 28 maggio 2020 Agea Coordinamento...

Covid-19, riepilogo normativa in vigore al 28 maggio

29-05-2020 | Normative

In allegato il documento di riepilogo della normativa adottata sia...

Il turismo del vino riparte con il la "terapia del paesaggio": trekking nelle vigne e degustazioni

29-05-2020 | Itinerari

L’emergenza Covid-19, secondo un’indagine condotta dal Movimento Turismo del Vino...

Vittoria per l'Aceto Balsamico di Modena Igp in Germania

28-05-2020 | News

La Suprema Corte Federale tedesca conferma la piena tutelabilità dell’Aceto...

Asolo Prosecco, al via il nuovo piano del "cru" di collina

28-05-2020 | News

Dopo aver superato i 17 milioni di bottiglie nel 2019...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection