Trend

Arte, architettura, design, interni, consigli culinari, tendenze, moda e comunicazione. Tutto all'insegna del buon gusto.

Aston Martin ha ottenuto di poter utilizzare il proprio marchio in relazione alle bevande alcoliche (classe 33). La casa automobilistica britannica non ha ancora annunciato alcuna iniziativa nel settore  il mese scorso, il che significa che il suo logo e nome possono essere utilizzati, ad eccezione della birra.

E alle richieste dei giornalisti britannici si è trincerata dietro un no-comment. 

Non è però la prima volta che la casa automobilistica si avventura nel settore dell’alcol. Nel 2015 l'azienda ha collaborato con Dom Pérignon del gruppo francese LVMH per creare una "cantina" su misura per Champagne che si adatta al bagagliaio di un'auto.

Progettata per adattarsi all'auto sportiva Milano Rapide S, la “cantina” posta nel bagagliaio rivestito in pelle conteneva tre bottiglie di Dom Pérignon 1988, due bicchieri di cristallo e apribottiglie. L'auto a 4 porte aveva un prezzo di partenza di £ 147.950.

Ispirata dalla sua connessione con James Bond, Aston Martin ha anche dato il suo nome ad un set Martini in argento, con due bicchieri rivestiti in oro 24 carati, due pinzette per olive e uno shaker. Ne furono realizzati solo 100, ciascuno ad un prezzo di quasi £ 8.000.

Il Principe Carlo nel 2015 ha convertito la propria Aston Martin DB5 in modo da poterla alimentare a bioetanolo derivato dal vino prodotto in un vigneto inglese nel Wiltshire. L'auto ora funziona con un mix di 85% di etanolo e 15% di benzina.

"Jumbo Shrimp Guide to Italian Wine", la guida che spiega l'Italia del vino agli stranieri

05-06-2020 | Arte del bere

Una serie di libri per raccontare il vino italiano agli...

Ue prevede una contrazione fino al 16% del commercio mondiale nel 2020

05-06-2020 | News

La Commissione europea ha pubblicato un secondo report (tradoc_158764.pdf)  sull'impatto...

Regno Unito: il Governo fornisce elenco di agenti doganali e corrieri espressi accreditati

05-06-2020 | Estero

Il Governo britannico mette a disposizione un elenco di agenti...

La bellezza di Riale e la Val Formazza

05-06-2020 | Itinerari

Riale, in Val Formazza, è il comune più settentrionale del...

Birmania, liberalizzate le importazioni di liquori stranieri

04-06-2020 | Estero

Continua il percorso di apertura del mercato birmano, con l’abrogazione...

Un Cognac pre-rivoluzione francese va all'asta per 150mila dollari

04-06-2020 | Arte del bere

Quasi 150mila dollari per un Cognac pre-rivoluzione francese. È quanto...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection