Trend

Arte, architettura, design, interni, consigli culinari, tendenze, moda e comunicazione. Tutto all'insegna del buon gusto.

Il successo dei vini bio è ormai un fenomeno planetario. Tanto che la più antica e maggiore casa vinicola cinese, Changyu, ha deciso di convertire a coltura biodinamica i 250 ettari della sua tenuta in Ningxia, Château Changyu Moser XV. 

Lo ha annunciato al sito britannico The Drink Business Lenz Moser, il winemaker dell’azienda, dicendo che conta di ottenere la certificazione biodinamica da un ente europeo in tre anni. L’obiettivo è di essere la prima tenuta vinicola cinese interamente biodinamica. L'azienda produce vini esportati in tutto il mondo e recentemente ha vinto 7 medaglie d'oro ai prestigiosi Decanter World Wine Awards. Il castello stile vecchia Europa che domina i vigneti è stato realizzato nel 2012 al costo di 70 milioni di euro ma la vinificazione è iniziata nel 2008.

Moser ha acquisito le tecniche biodinamiche in Austria. “Lì - ha spiegato - ho capito che prima di tutto si tratta di relazionarsi al vigneto su base quotidiana e in maniera più intensa e diretta”.

La decisione è stata presa per motivi etici. “Non sono convinto che i vini biodinamici siano più buoni - ha sottolineato il winemaker - se lo diventeranno ne sarò felice ma non è questa la mia motivazione. Penso semplicemente che entro un decennio essere biologici o biodinamici sarà un requisito inevitabile per le case vinicole”.

Peraltro la sua azienda è avvantaggiata perché i vigneti sono in una zona quasi desertica. “Avere poca pioggia aiuta in questi casi”, ha ammesso. 

L’area in cui è posizionata la tenuta è comunque alquanto ostica: d’inverno le temperature scendono a -25° e le viti vanno protette dal freddo e dal gelo. Ma il territorio è di grande interesse in termini di microclima e tipologia dei suoli. Tanto è vero che stanno continuamente aumentando i nuovi impianti.

.

"Volti di Barbaresco", mostra permanente che consacra le eccellenze dell'enologia

09-07-2021 | Itinerari

Un’esposizione permanente e in grande formato: le immagini dei produttori...

Aceto Balsamico del Duca festeggia i suoi 130 anni di "oro nero"

24-06-2021 | News

Centotrenta bottigliette di Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP Extravecchio...

Valpolicella, primo report annuale: più sostenibilità e contenimento produttivo

24-06-2021 | Trend

Una superficie vitata di 8.398 ettari, con il suo capoluogo...

Ecco le prime regole sulla certificazione di sostenibilità della filiera vitivinicola

24-06-2021 | News

Segnaliamo l’adozione del Decreto Dipartimentale n. 288989 del 23 giugno...

Cina: approvato un piano di sviluppo del vino di 15 anni per la regione di Ningxia

24-06-2021 | Estero

Il governo centrale cinese ha approvato un piano di sviluppo...

Fondazione SOStain, la Sicilia del vino sempre più "green"

24-06-2021 | Trend

Ad un anno dall’atto di costituzione, la Fondazione SOStain Sicilia entra nella...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.