Trend

Arte, architettura, design, interni, consigli culinari, tendenze, moda e comunicazione. Tutto all'insegna del buon gusto.

House of Saka, società attiva nel settore del lusso e guidata da un team di sole donne, ha lanciato una linea di vini aromatizzati alla cannabis, a base di Pinot Noir della Napa Valley (California). Spumanti brut e fermi rosé sono miscelati con THC (il componente psicoattivo della pianta) e il cannabidiolo (CBD), derivati ​​da "cannabis artigianale biologica". I vini sono fatti fermentare in acciaio inossidabile, dopo di che l'alcol viene rimosso e quindi la bevanda infusa con la ricetta aziendale che mixa THC e CBD.

Un nuovo rapporto ha recentemente affermato che le vendite di bevande alla cannabis negli Stati Uniti saranno destinate a superare il miliardo di dollari entro quattro anni, grazie a una regolamentazione più permissiva che attira maggiori innovazioni e investimenti.

L'amministratrice delegata di Saka Wines, Tracey Mason, ha dichiarato: "Dopo quasi 30 anni di innovazione nelle bevande per adulti e collaborazione con alcuni dei marchi di vino e distillati più famosi al mondo, sono certa che i prodotti a base di cannabis sono il futuro”. Mason ha dichiarato a Forbes che la loro ricetta di cannabis solubile in acqua permetterà ai consumatori di sentire gli effetti entro 10-15 minuti, al contrario di altri prodotti a base di marijuana che possono impiegare molto più tempo per fare effetto, rendendo difficile il dosaggio e la sicurezza. Ovviamente la bevanda non può essere definita propriamente "vino" e quindi sarà commercializzata come "bevanda rosé / frizzante" o "bollicine".

I vini Saka dovrebbero raggiungere gli scaffali entro l'estate e saranno disponibili in oltre 600 negozi in California e Nevada, prima di espandersi a livello nazionale e globale. Saka non è la prima etichetta a miscelare la cannabis con il vino. L'anno scorso, la società agricola californiana specializzata in cannabis Terra Tech si è unita al produttore di bevande a base di cannabis Valiente, con sede a Washington, per produrre uno spumante analcolico chiamato "IVXX".

 

I gioielli nascosti della Garfagnana, da Barga a Castiglione, assaporando il Candia

23-08-2019 | Itinerari

Borghi medievali, corsi d’acqua spumeggianti, foreste selvagge, colline e picchi...

Addio a Lapo Mazzei, protagonista del Chianti Classico

22-08-2019 | News

All’età di 94 anni si è spento, nella sua tenuta...

L'assenzio di Pontarlier ottiene l'indicazione geografica

21-08-2019 | Arte del bere

L'assenzio di Pontarlier ha ottenuto l'etichetta di indicazione geografica per...

Complessità, acidità e tannini: in Uk la bevanda analcolica con 20 botaniche per accompagnare cibi gourmet

21-08-2019 | Trend

La britannica Nine Elms ha lanciato No.18, una bevanda senza alcool...

In Usa nasce Spirits United, piattaforma online per migliorare e promuovere l'industria delle bevande alcoliche

21-08-2019 | Estero

Il Distilled Spirits Council ha lanciato Spirits United, una piattaforma...

Aumento dell'Iva: cosa rischiano le aziende del vino

20-08-2019 | News

Uno degli elementi in discussione, durante queste giornate di crisi...

Federvini

   Via Mentana 2/B, 00185 Roma
+39.06.49.41.630
+39.06.44.69.421
+39.06.49.41.566
redazione@federvini.it
www.federvini.it
   C.F. 01719400580

Condividi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news del portale Federvini.

Seguici

  

© 2019 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection