Studi e Ricerche

Anche l’agricoltura paga un prezzo salato per la crisi scatenata dal Covid-19. Nel 2020 il numero di giornate lavorate dai braccianti agricoli si è ridotto del 2,4% rispetto all’anno precedente (2.037.000 in meno). La flessione degli occupati nel settore è stata dell’1,9% e ha coinvolto oltre 18.000 lavoratori stagionali. Sono questi i primi dati elaborati dall’Osservatorio sul lavoro agroalimentare costituito dalla Fondazione Argentina Altobelli e dal Censis con l’obiettivo di rappresentare la realtà del lavoro nel settore agricolo e nell’industria agroalimentare. 

Le motivazioni della collaborazione nascono da una comune riflessione sulla rilevanza che questo comparto ha assunto negli ultimi anni, non solo dal punto di vista economico, ma anche sul piano occupazionale, con un ruolo sempre più importante nelle dinamiche dei consumi della società italiana e rispetto alla domanda estera. L’Osservatorio concentrerà l’esame sui contratti collettivi nazionali di riferimento e sulle diverse configurazioni che il lavoro agricolo può assumere nella zona d’ombra del sommerso e della sottoccupazione.

Nonostante il settore agricolo non si sia fermato nell’anno del lockdown, l’impatto della crisi è stato rilevante e ha colpito in maniera differenziata le diverse regioni del Paese. In sintesi, i lavoratori agricoli sono passati da 955.000 a 937.000 e le giornate lavorate nell’anno sono diminuite da 85 a 83 milioni. Nella realtà del lavoro agricolo spicca anche una quota rilevante di lavoratori che risultano occupati per meno di 10 giornate all’anno. Sono il 14% del totale, pari a 132.000 nel 2020. Se si contano i lavoratori occupati per meno di 30 giornate, la quota sale al 26,5% del totale, pari a poco meno di 250.000 braccianti agricoli: una realtà controversa che merita di essere approfondita in tutti i suoi aspetti. Nella scomposizione delle diverse anime del lavoro agricolo merita attenzione anche la componente dei lavoratori stranieri, che sono oltre 330.000 e rappresentano il 35,6% della forza lavoro totale.

Pallini: dopo lo stop ai dazi l'export di aperitivi, liquori e amari può tornare a crescere. Ora più promozione

17-06-2021 | News

Federvini accoglie con grande soddisfazione l’accordo raggiunto dopo gli intensi...

Cantina Italia, 53,6 milioni di ettolitri di vini e mosti in giacenza al 31 maggio 2021

17-06-2021 | Studi e Ricerche

La rilevazione di maggio di Cantina Italia registra una giacenza...

Lacrima di Morro d’Alba verso la modifica del disciplinare di produzione

17-06-2021 | Normative

Nella Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana del 14 giugno 2021...

Il territorio in etichetta: al via il progetto Uga del Chianti Classico

16-06-2021 | News

I Soci del Consorzio Vino Chianti Classico approvano a larghissima maggioranza...

Vinitaly: gli appuntamenti di giugno per la ripartenza

15-06-2021 | Arte del bere

Vinitaly Special Edition è una manifestazione in presenza e in...

Sull'app di Winelivery arrivano le gite nelle cantine più iconiche di tutta Italia

15-06-2021 | Itinerari

Su richiesta della sua grande Community, Winelivery, il noto servizio...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.