Studi e Ricerche

Negli ultimi 12 mesi il 69% degli Italiani di età > = 14 anni ha bevuto almeno una bevanda alcolica (35,3 mio di individui). La percentuale è in forte calo rispetto al 2006 quando i bevitori risultavano l.82%.

La diminuzione della penetrazione degli alcolici impatta soprattutto il vino (che registra una flessione di 8 pti rispetto al 2006), la birra e il comparto dello spumante/prosecco/champagne (in calo entrambi di 4 punti rispetto alla prima rilevazione)

Rispetto al 2006 la popolazione che dichiara di non consumare bevande alcoliche è aumentata di 16 punti percentuali

La .disaffezione. agli alcolici è generalizzata e trasversale alla popolazione italiana in termini socio-demografici.

Il calo di consumo rispetto al 2006 ha però interessato soprattutto:

Le donne, in particolare quelle con più di 55 anni e in misura ancora maggiore con più di 65 anni; Gli individui residenti nel Sud Italia (flessione di penetrazione pari a -17 pti)

Tra gli uomini il calo ha impattato maggiormente le fasce tra i 14 e i 24 anni.

In generale il consumo di bevande alcoliche risulta prevalentemente maschile. L.unica tipoligia di alcolici per cui non si registra alcuna differenza tra uomini e donne è quella degli aperitivi/cocktail alla frutta moderatamente alcolici. Questi ultimi, che nel 2006 registravano un consumo prevalentemente femminile, si sono infatti riposizionati come bevanda .unisex.. Nessuna bevanda risulta caratterizzata da un consumo prevalentemente femminile.

Come nel 2006, il Nord è l.area del paese in cui si concentrano prevalentemente i consumatori.

Anche nel 2008 il consumo di bevande alcoliche risulta sopra media nei centri abitati grandi o medio-grandi, sebbene quasi il 50% dei consumatori si concentri in comuni con < 20.000 abitanti.

Relativamente al livello di istruzione, il consumatore medio di alcolici si caratterizza per un livello di istruzione medio alto e alto.

Nonostante l.aumento dei non bevitori, il rank della penetrazione del consumo delle diverse bevande risulta invariato: come nel 2006, la bevanda bevuta dal maggior numero di persone continua ad essere il vino (52%), seguita dalla birra (35%). Il vino si conferma anche la bevanda con la più alta frequenza di consumo: il 40% dei consumatori lo .beve tutti i giorni o quasi..

Terregiunte, il nuovo "vino d'Italia" sposa Nord e Sud enologici

23-08-2019 | Arte del bere

Il nome è evocativo: «Terregiunte-Vino d’Italia». E indica l'inedito abbraccio...

I gioielli nascosti della Garfagnana, da Barga a Castiglione, assaporando il Candia

23-08-2019 | Itinerari

Borghi medievali, corsi d’acqua spumeggianti, foreste selvagge, colline e picchi...

Addio a Lapo Mazzei, protagonista del Chianti Classico

22-08-2019 | News

All’età di 94 anni si è spento, nella sua tenuta...

L'assenzio di Pontarlier ottiene l'indicazione geografica

21-08-2019 | Arte del bere

L'assenzio di Pontarlier ha ottenuto l'etichetta di indicazione geografica per...

Complessità, acidità e tannini: in Uk la bevanda analcolica con 20 botaniche per accompagnare cibi gourmet

21-08-2019 | Trend

La britannica Nine Elms ha lanciato No.18, una bevanda senza alcool...

In Usa nasce Spirits United, piattaforma online per migliorare e promuovere l'industria delle bevande alcoliche

21-08-2019 | Estero

Il Distilled Spirits Council ha lanciato Spirits United, una piattaforma...

Federvini

   Via Mentana 2/B, 00185 Roma
+39.06.49.41.630
+39.06.44.69.421
+39.06.49.41.566
redazione@federvini.it
www.federvini.it
   C.F. 01719400580

Condividi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news del portale Federvini.

Seguici

  

© 2019 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection