Studi e Ricerche

I 28 milioni di consumatori di vino del Regno Unito si stanno abituando all'idea di non andare a ristoranti e pub. Ma non per questo rinunciano al vino. Anzi, bevono più vino a casa, più frequentemente, di quanto non facessero all'inizio di marzo, prima che fossero imposte restrizioni anti-Covid nel Regno Unito. 

Il nuovo Rapporto sull'impatto COVID-19 di Wine Intelligence nel Regno Unito ha esaminato un campione rappresentativo nazionale di 1.000 consumatori di vino mensili  tra la fine di marzo e l'inizio di aprile per capire come il loro consumo stava cambiando a causa delle restrizioni dovute al coronavirus. I risultati suggeriscono che i consumatori hanno trovato nuove occasioni per degustare vino durante il blocco: all'ora di pranzo, con gli amici online, o sostituendo la cena al ristorante con un pasto serale più indulgente.

Come ampiamente riportato, il canale online è stato il grande player, con consumatori di vino più giovani, benestanti e residenti nelle aree urbane che hanno aperto la porta di casa al delivery del supermercato e ai siti web di consegna a domicilio e lo hanno fatto più frequentemente rispetto al periodo pre-blocco.

Come per altri mercati, il crescente volume di vino acquistato è stato mitigato da un calo del prezzo medio per bottiglia. Tutte le tipologie di consumatori, dai Generation Treaters più coinvolti ai Kitchen Casuals meno coinvolti, hanno speso relativamente meno di quanto facciano normalmente. Parte di ciò potrebbe essere dovuto al calo delle visite alle enoteche specializzate e all'aumento degli acquisti in supermercati, minimarket e siti Web.

Probabilmente non è un caso che i consumatori diventati acquirenti di vino più frequenti durante il blocco siano quelli che in precedenza erano già i consumatori più regolari. Quelli di età compresa tra 25 e 54 anni avevano più probabilità di aggiungere altre occasioni per consumare vino, specie durante i pasti, incluso il pranzo. Al contrario i consumatori del gruppo Gen Z - quelli di età compresa tra 18 e 24 anni - hanno ridotto la loro frequenza di consumo più di altri, forse per la minor opportunità di socializzazione.

 

 

Indonesia, continua il blocco delle importazioni di spiriti e vini Ue

22-09-2020 | Estero

I vini e le bevande spiritose dell’Unione europea continuano ad...

Londra: scatta il "coprifuoco" alle 22 per bar e ristoranti

22-09-2020 | Estero

Da giovedì  i pub e i ristoranti in Gran Bretagna...

Nuova alzata di scudi dei parlamentari britannici contro l'aggravio di burocrazia sull'import di vini

22-09-2020 | News

Nuova alzata di scudi contro i discussi certificati "VI-1" che...

Nuove ordinanze per l'emergenza Covid

22-09-2020 | Normative

Nella Gazzetta Ufficiale del 21 settembre 2020, è stato pubblicato il provvedimento per il contenimento e...

Italia e altri sei Paesi Ue contro il Nutriscore

21-09-2020 | News

La ministra delle Politiche agricole Teresa Bellanova, insieme con l’omologo...

Ismea, consuntivo export a +3,5% nel primo semestre - Vino in calo

21-09-2020 | News

Il saldo del commercio agroalimentare italiano con l'estero nel primo...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.