Studi e Ricerche

In Borgonga si vendemmia sempre più presto, colpa del "world warming". Uno studio, che traccia la data della raccolta a Beaune, capitale dei vini di Borgogna, dal 1354 al 2018 - il record più lungo di tali dati mai pubblicati - ha scoperto che la regione ha sperimentato un "riscaldamento rapido" negli ultimi 31 anni.

Lo studio, guidato da un team internazionale di ricercatori, tra cui Thomas Labbé, ricercatore presso il Leibniz-Institut di Lipsia (Germania), la House of Human Sciences di Digione (Università della Borgogna / CNRS) e il laboratorio Artehis (Università della Borgogna / CNRS), ha tentato di tracciare ed esplorare la portata del cambiamento climatico per mezzo della data del raccolto dell'uva nella zona. Thomas Labbé, autore principale, era responsabile della colletta dei dati, che comportava l'esame degli archivi, compresi i registri dei pagamenti salariali, al fine di tracciare le date della vendemmia nel corso dei secoli. Ha quindi calibrato i risultati rispetto alla serie di temperature di Parigi che comprende dati dal 1659 al 2018.

"La serie è chiaramente divisa in due parti", afferma Thomas Labbé. "Fino al 1987, i raccolti dell'uva erano generalmente dal 28 settembre, quando avevano iniziato in media 13 giorni prima dal 1988. L'analisi delle serie da parte del team mostra che gli anni molto caldi e asciutti erano raro in passato, ma sono diventati la norma negli ultimi 30 anni".

Ha rivelato, inoltre, che a partire dalla calda estate del 2003, otto dei 16 periodi primavera-estate sono stati segnalati come "eccezionali" in termini di temperatura, rispetto ai dati degli ultimi 664 anni. Cinque di questi si sono verificati negli ultimi otto anni. Le date del raccolto possono essere utilizzate come indice per studiare il clima passato perché la vite è molto sensibile alla temperatura e alle precipitazioni.

Labbé ha dichiarato che i dati "dimostrano che gli anni caldi e asciutti eccezionali in passato erano valori anomali, mentre sono diventati la norma dalla transizione al rapido riscaldamento dal 1988". Ha anche osservato come i suoi dati presentassero correlazioni significative con le "lunghe serie di temperature di Parigi dal 1659 al 2018" insieme ai dati documentali e agli anelli degli alberi dal 1354 al 1658.

I risultati sono pubblicati sulla rivista Climate of the Past of the European Union of Geosciences (EGU).

Onav si apre alle etichette non convenzionali: verso un corso sui vini "anarchici"

21-02-2020 | Trend

Una definizione forte per una tematica di grande attualità, la...

Monopolio del Quebec troppo rigido sui prezzi: Comitè Vins e Spirits Europe chiedono più flessibilità

21-02-2020 | Estero

Il monopolio della provincia canadese del Quebec, SAQ, sta imponendo...

A Santhià (VC) va in scena il Carnevale più antico del Piemonte

21-02-2020 | Itinerari

Grandiosi corsi mascherati, veglioni danzanti,bande, gruppi storici e appuntamenti enogastronomici:...

Scompare Augusto Reina: grazie a lui tutti al mondo conoscono l’Amaretto di Saronno

20-02-2020 | News

È mancato ieri sera Augusto Reina, storico protagonista del mondo...

Arrivano da Israele le acque 'infuse' di vino

18-02-2020 | Estero

Wine Water sta per arrivare in Europa con le sue...

La Maremma Toscana è la terza Doc più grande della Regione

18-02-2020 | Trend

Il Maremma Toscana Doc, basato sull'omonima IG, è ora la...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection