Studi e Ricerche

Gli scienziati dell'Università di Glasgow hanno sviluppato una "lingua nanoplasmonica bimetallica" in grado di rilevare le differenze tra i whisky, che secondo loro fornisce un'alternativa portatile ed economica alle tecniche attualmente utilizzate nella rilevazione della contraffazione. Nel rapporto, pubblicato sulla rivista Nanoscale, gli scienziati affermano che la loro "lingua" artificiale è paragonabile a tecnologie come la spettrometria di massa mediante cromatografia liquida, che sono attualmente utilizzate per identificare gli spiriti contraffatti.

Questa non è la prima cosiddetta "lingua" o "naso" artificiale sviluppato, ma i ricercatori affermano che la loro versione ha una maggiore stabilità chimica e sensibilità ai cambiamenti ambientali e può anche essere riutilizzata. La loro lingua contiene un microscopico dispositivo di "degustazione" composto da due metalli diversi e, secondo il rapporto, è in grado di distinguere tra sette diversi whisky e tre controlli.

Gli scienziati hanno usato tre sostanze di controllo - acqua deionizzata, acqua deionizzata mescolata con vodka e vodka liscia - e sette diversi whisky tra cui Glenfiddich, 12 anni; Glenfiddich di 15 anni; Glenfiddich, 18 anni; Glen Marnoch Sherry Cask; Glen Marnoch Bourbon Cask; Glen Marnoch Rum Cask; e Laphroaig di 10 anni. Campioni di liquidi sono stati posizionati sopra i microscopici sensori metallici e misurati per la loro capacità di assorbire la luce.

Gli scienziati hanno anche notato che la loro "lingua" artificiale ha avuto l'ulteriore vantaggio di poter essere modificata per adeguare la sua "sensibilità gustativa". Le sue "caratteristiche uniche" hanno consentito agli scienziati di dimezzare sia la dimensione tipica del sensore sia il tempo impiegato per acquisire i dati, pur producendo risultati dettagliati.

Hanno affermato che il loro nuovo approccio alla progettazione della lingua artificiale "potrebbe stimolare lo sviluppo di dispositivi portatili per applicazioni nella diagnostica nei luoghi di cura, rilevamento di contraffazioni in bevande di alto valore, monitoraggio ambientale e difesa".

Alasdair Clark, ricercatore e autore principale del documento, ha dichiarato che il progetto ha richiesto un anno per essere completato e che la tecnologia aveva un grande potenziale. "L'abbiamo testato solo internamente, con i nostri scienziati. Ma siamo aperti a collaborare con qualsiasi azienda che voglia di sviluppare il prodotto ”, ha affermato. “Siamo specializzati nella costruzione di materiali su nanoscala che reagiscono alla luce. Abbiamo visto un'opportunità per costruire una lingua artificiale che ha funzionato su questi principi. La lingua è stata in grado di assaggiare le differenze tra le bevande con una precisione superiore al 99%. Era in grado di cogliere le distinzioni più sottili tra lo stesso whisky invecchiato in botti diverse e dire la differenza tra lo stesso whisky invecchiato per 12, 15 e 18 anni".

"Non siamo i primi ricercatori a creare una lingua artificiale, ma siamo i primi a creare una singola lingua artificiale che utilizza due diversi tipi di "tastebuds" in metallo su scala nanometrica, che forniscono ulteriori informazioni sul "gusto" di ciascun campione e consente una risposta più rapida e accurata".

 

Aumento dell'Iva: cosa rischiano le aziende del vino

20-08-2019 | News

Uno degli elementi in discussione, durante queste giornate di crisi...

Il Cognac celebra il quinto anno consecutivo in crescita

19-08-2019 | Trend

Le esportazioni di cognac sono aumentate per il quinto anno...

Whisky giapponese, nuova vendita record da 1 milione di dollari

19-08-2019 | Arte del bere

La casa di aste Bonhams Hong Kong ha stabilito un...

Ecco il Mother Vine Wine, il vino dalla più antica vite d’America (400 anni)

18-08-2019 | Estero

La chiamano Mother Vine ed è la vite più antica...

I bambini costruiscono giocattoli sonori al Ferrara Buskers Festival

16-08-2019 | Itinerari

I bambini sperimentano la musica di strada partecipando ai BuskeriniLab, una...

Scende in tutto il mondo il numero di minorenni che fanno uso di alcolici

16-08-2019 | Studi e Ricerche

Il consumo di alcolici da parte di minori diminuisce in...

Federvini

   Via Mentana 2/B, 00185 Roma
+39.06.49.41.630
+39.06.44.69.421
+39.06.49.41.566
redazione@federvini.it
www.federvini.it
   C.F. 01719400580

Condividi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news del portale Federvini.

Seguici

  

© 2019 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection