Studi e Ricerche

Torna a correre la produzione alimentare che ha mostrato, nel bimestre ottobre-novembre, spunti significativi. In particolare, dopo il +3,8% di ottobre, il +2,7% a parità di giornate lavorative del confronto novembre 2018/17 ha portato il progressivo degli 11 mesi al +1,5%, superando quello parallelo del totale industria (+1,2%). Il “sorpasso” inverte un gap che durava da tempo. Era dal 2015, infatti, che la produzione alimentare segnava dinamiche inferiori a quelle del totale industria.

LA PRODUZIONE INDUSTRIALE

Ottobre ha recato anche una forte accelerazione dell’export dell’industria alimentare (+10,6%) sullo stesso mese 2017. Ne esce una variazione pari al +3,8% del  tendenziale di gennaio-ottobre, in apprezzabile crescita rispetto al +2,9% dei nove mesi. In parallelo, l’agroalimentare segna, sui 10 mesi, un trend più basso della trasformazione, pari al +6,8%, a causa dello specifico andamento flettente dell’export primario (-4,9%).

EXPORT

I prezzi alla produzione dell’industria alimentare mostrano un andamento molto più contenuto rispetto alla media del totale industria. A dicembre essi confermano, come a novembre, un trend sostanzialmente stazionario (+0,1%), rispetto allo stesso mese 2017. A fianco, il totale industria conferma altresì una dinamica nettamente più accelerata sul dicembre 2017 (+5,2%).

PREZZIPRODUZIONE

I prezzi al consumo del settore evidenziano andamenti differenziati. A dicembre essi mostrano, rispetto allo stesso mese 2017, una crescita del +0,7%, inferiore a quella dell’alimentare non lavorato (+1,2%) e dell’inflazione (+1,1%). Sull’arco dei dodici mesi, essi evidenziano invece, con un +1,5%, una crescita leggermente più accentuata dell’alimentare non lavorato (+1,3%) e dell’inflazione (+1,2%).

I PREZZI AL CONSUMO

Le vendite al dettaglio del settore mostrano, a novembre, due segni marginalmente positivi sullo stesso mese dell’anno precedente: +1,0% in valore e +0,2% in volume. La tendenza porta il confronto in valore delle vendite sugli 11 mesi al +0,8%, mentre la contrazione in volume delle vendite di settore continua a ridursi, con un -0,4%, dopo il -1,0% del 2017. A fianco, le vendite totali evidenziano a novembre trend decisamente migliori, con un +1,6% in valore e un +1,8% in volume. Sugli 11 mesi, le vendite complessive mostrano così una netta stabilità, con un +0,2% in valore e uno speculare -0,2% in volume. Il differenziale valore/volume dei trend di gennaio-novembre dell’alimentare è pari a 1,2 punti, contro gli 0,4 punti del totale vendite. E’ una conferma di una dinamica dei prezzi al consumo del settore, in corso d’anno, superiore all’inflazione.

vENDITE

 

Lorenzo Barbero nuovo presidente del Consorzio Asti Spumante e Moscato d’Asti Docg

23-01-2021 | Trend

Lorenzo Barbero è il nuovo presidente del Consorzio per la tutela dell’Asti...

Ismea: -3,4% l'export di vino nei primi dieci mesi del 2020

22-01-2021 | News

Ismea conferma anche ad ottobre il calo delle esportazioni di vino...

Mega cantina nell'Oxfordshire per i Beckham

22-01-2021 | Arte del bere

Molte star dello spettacolo e dello sport sono appassionate al...

Accesso al credito facilitato per le aziende del Nobile di Montepulciano

22-01-2021 | News

Rafforzare l'accesso al credito per le aziende della filiera vitivinicola...

Via libera al decreto Fermentazione vini

22-01-2021 | Normative

Intesa raggiunta in Conferenza Stato-Regioni sul decreto ministeriale che regola...

Faq Covid: asporto fino alle 22, ma vietato ai bar senza cucina

22-01-2021 | News

"La vendita con asporto è possibile anche dalle 18.00 alle...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.