Studi e Ricerche

Torna a correre la produzione alimentare che ha mostrato, nel bimestre ottobre-novembre, spunti significativi. In particolare, dopo il +3,8% di ottobre, il +2,7% a parità di giornate lavorative del confronto novembre 2018/17 ha portato il progressivo degli 11 mesi al +1,5%, superando quello parallelo del totale industria (+1,2%). Il “sorpasso” inverte un gap che durava da tempo. Era dal 2015, infatti, che la produzione alimentare segnava dinamiche inferiori a quelle del totale industria.

LA PRODUZIONE INDUSTRIALE

Ottobre ha recato anche una forte accelerazione dell’export dell’industria alimentare (+10,6%) sullo stesso mese 2017. Ne esce una variazione pari al +3,8% del  tendenziale di gennaio-ottobre, in apprezzabile crescita rispetto al +2,9% dei nove mesi. In parallelo, l’agroalimentare segna, sui 10 mesi, un trend più basso della trasformazione, pari al +6,8%, a causa dello specifico andamento flettente dell’export primario (-4,9%).

EXPORT

I prezzi alla produzione dell’industria alimentare mostrano un andamento molto più contenuto rispetto alla media del totale industria. A dicembre essi confermano, come a novembre, un trend sostanzialmente stazionario (+0,1%), rispetto allo stesso mese 2017. A fianco, il totale industria conferma altresì una dinamica nettamente più accelerata sul dicembre 2017 (+5,2%).

PREZZIPRODUZIONE

I prezzi al consumo del settore evidenziano andamenti differenziati. A dicembre essi mostrano, rispetto allo stesso mese 2017, una crescita del +0,7%, inferiore a quella dell’alimentare non lavorato (+1,2%) e dell’inflazione (+1,1%). Sull’arco dei dodici mesi, essi evidenziano invece, con un +1,5%, una crescita leggermente più accentuata dell’alimentare non lavorato (+1,3%) e dell’inflazione (+1,2%).

I PREZZI AL CONSUMO

Le vendite al dettaglio del settore mostrano, a novembre, due segni marginalmente positivi sullo stesso mese dell’anno precedente: +1,0% in valore e +0,2% in volume. La tendenza porta il confronto in valore delle vendite sugli 11 mesi al +0,8%, mentre la contrazione in volume delle vendite di settore continua a ridursi, con un -0,4%, dopo il -1,0% del 2017. A fianco, le vendite totali evidenziano a novembre trend decisamente migliori, con un +1,6% in valore e un +1,8% in volume. Sugli 11 mesi, le vendite complessive mostrano così una netta stabilità, con un +0,2% in valore e uno speculare -0,2% in volume. Il differenziale valore/volume dei trend di gennaio-novembre dell’alimentare è pari a 1,2 punti, contro gli 0,4 punti del totale vendite. E’ una conferma di una dinamica dei prezzi al consumo del settore, in corso d’anno, superiore all’inflazione.

vENDITE

 

Posticipato al 25 febbraio il termine delle domande di aiuto per la campagna 2018/2019

20-02-2019 | Normative

Il Ministero delle politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo...

L'Agea ridefinisce il rilascio delle autorizzazioni per nuovi impianti

20-02-2019 | Normative

L’Agea ha pubblicato la circolare n.12599 in merito al sistema...

Riforma Pac: deciderà il nuovo Parlamento europeo

20-02-2019 | News

Il Parlamento europeo non deciderà in merito alla riforma della...

Da Firenze a Milano: la lunga settimana dell'Aceto Balsamico di Modena IGP

19-02-2019 | News

La lunga settimana dell’Aceto Balsamico di Modena IGP è iniziata...

Nasce la Chianti Academy Latam per portare il vino toscano in America Latina

19-02-2019 | Arte del bere

Una tappa a Cuba per un evento davvero speciale e...

Italia vs Francia: il Brunello sfida i grandi d'Oltralpe

18-02-2019 | News

Si sta chiudendo a Montalcino (dal 15 al 18 febbraio...

Federvini

   Via Mentana 2/B, 00185 Roma
+39.06.49.41.630
+39.06.44.69.421
+39.06.49.41.566
redazione@federvini.it
www.federvini.it
   C.F. 01719400580

Condividi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news del portale Federvini.

Seguici

  

© 2019 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.